10 ricette di cibi pre-ispanici, deliziosi, facili ed economici!

In Messico, le civiltà pre-ispaniche avevano mais, peperoncino, fagioli, insetti, quelites, tra gli altri ingredienti, che consumiamo ancora oggi. Ma prima, non perdetevi questa video ricetta per il pipian verde. Ecco il link a questo contenuto di YouTube.

Trova le ricette complete e gli ingredienti sotto ogni titolo.

Pubblicità

Tortillas de colores

La più grande icona della cucina messicana: le tortillas o tlaxcalli (Nahuatl), sono state consumate nel nostro paese fin dai tempi antichi, infatti esistono antichi codici dove la tortilla è indicata come cibo delle antiche civiltà.

Quesadillas de huitlacoche

Conosciuto anche come cuitlacoche, è un fungo che attacca il mais, soprattutto durante la stagione delle piogge. Il suo aspetto grigio non è molto piacevole, tuttavia, il suo sapore affumicato con un pizzico di zenzero lo rende una delicatezza esotica. Non si sa come e quando cominciò ad essere consumato, ma una teoria è che il suo nome allude agli escrementi degli dei pre-ispanici, che secondo le credenze migliorano la qualità della semina.

3 . Escamoles al ajillo

Il suo significato è azcatl “formica” e molli “stufato”, così è stato lasciato il nome di azcamoli, per chi non lo conosce bene, questo piatto consiste sono le larve della formica e hanno un sapore delicato e succulento, e può essere servito in tacos accompagnato da salsa o guacamole.

3. Tamales

Ci sono prove archeologiche che mostrano che il tamale era una parte vitale nella vita quotidiana di alcune culture pre-ispaniche del Messico e dell’America centrale, in quanto veniva usato nei rituali religiosi, nelle offerte, nei rituali matrimoniali, come cibo per i guerrieri e come offerta ai morti. Nel centro del paese, sono fatti con pasta di mais e avvolti in bucce di mais. Il suo ripieno è pollo o maiale, accompagnato da salsa verde, salsa rossa e rajas.

4. Tlacoyos

Il tlacoyo o clacoyo deriva dal termine nahuatl tlaoyo, che significa pacca di mais sgranata. È uno spuntino che consiste in una spessa tortilla ovale e lunga, preparata con pasta di mais che viene riempita con vari ingredienti come fagioli, alberjon, fagioli cotti o ricotta; sopra si mettono vari ingredienti come cactus, formaggio, salsa di peperoncino e cipolla. La sua origine è pre-ispanica perché in tutte le località dove viene preparato allo stesso modo.

Pozole

La parola pozole deriva dal nahuatl pozolli, tlapozonalli, che significa bollito o spumoso. Secondo Fray Bernardino de Sahagún, Moctezuma avrebbe ricevuto il pozole fatto con la coscia di qualche bella fanciulla o un ragazzo sacrificato durante le feste in onore di Tonatiuh, dio del sole per gli Aztechi. La ricetta che abbiamo gustato oggi, è quella emersa dalla conquista; anche se i tre tipi più popolari di pozole sono bianco, rosso e verde.

Chapulines

Il consumo di insetti è registrato dal XVI secolo nel codice fiorentino, scritto da Fray Bernardino de Sahagún, dove sono scritte più di 90 specie. Con il passare del tempo, diverse indagini hanno dimostrato che ci sono 549 specie commestibili, che hanno un alto contenuto proteico.

Insalata di Nopales

Questo cactus, protagonista della cucina messicana viene preparato con altre verdure come quelites, zucche e avocado. Era anche usato come medicina, in quanto veniva messo sulle ustioni per alleviarle.

Quelites

Considerato come un’erba, quelites sono erbe commestibili che vengono utilizzate come ingrediente principale o per insaporire alcuni stufati. Ogni regione del Messico ha una varietà di queste prelibatezze, tra le più conosciute ci sono il papalo, la portulaca, il quintonil, l’huanzontles, l’epazote, la hoja santa, il chaya, tra gli altri.

Fagioli in vaso

I fagioli o fagioli sono un seme, di cui si conoscono circa 470 razze, tra cui ibridi, tipi, ecotipi e altre varietà trovate in natura in Messico. Questo legume è originario dell’America ed è stato addomesticato in Mesoamerica circa 7 mila anni fa, è un alimento molto rilevante nella nostra dieta, in quanto è presente fin dai tempi pre-ispanici e ha prevalso fino ad oggi.

Mole

Il mole è uno dei piatti più rappresentativi del Messico, è uno stufato che possiamo mangiare quotidianamente e in occasioni speciali. Il suo termine deriva dal nahuatl molli o mulli, e si riferisce a vari tipi di salse preparate con peperoncini e spezie. Ci sono più di 300 ricette di moles nel paese, poiché ogni preparazione varia negli ingredienti e ha la personalità della sua regione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *