Céline Dion se desnuda y posa de forma atrevida a sus 49 años (Italiano)

Ecco un piccolo fatto nudo su cui riflettere mentre Celine Dion cambia look tra gli spettacoli: negli ultimi cinque anni ha indossato haute couture quasi esclusivamente per le sue performance (a Las Vegas e nel suo attuale “mini-tour” in Europa). Si esibisce per un minimo di due ore a notte, cinque o sei sere a settimana, ballando e facendo inchini e in generale gesticolando senza abbandonare, in delizie fatte a mano e con perline, progettate unicamente per camminare su una passerella o su un tappeto (e spesso con i gestori). Per gli ordini di Celine, le case mandano squadre in Nevada per tre prove, prima che i capi siano finiti nel suo atelier privato locale. Armani Prive, Schiaparelli, Giambattista Valli, Versace… solo una lista parziale. Tutti, in pratica. A Las Vegas, vengono aggiunti dei pannelli di velcro per permettere alla sua cassa toracica di espandersi o per un rapido cambio di abito. Micro cinghie di chiffon elasticizzato impediscono che uno spacco diventi una situazione sciatta a metà seduta. Le scarpe – sempre con i tacchi, mai con le zeppe – sono ordinate di una taglia in meno (lei è normalmente un 38) e riadattate con gambo in metallo. Dice Celine: “Dobbiamo rendere la haute couture industriale”. E, più enigmaticamente: “Gli abiti mi seguono; io non seguo gli abiti”. Vale a dire: l’haute couture, con tutta la sua fragilità e artigianalità, deve funzionare professionalmente per la signora Dion. E anche privatamente. Anni fa, Celine ha comprato un classico abitino nero dell’atelier Christian Dior quando la casa era supervisionata da John Galliano. È semplice, cade a metà polpaccio, e stretto come può essere con solo un accenno di stretch. Richiede un minimo di gioielli, un braccialetto di dichiarazione o forse uno dei grandi anelli di diamanti che ha disegnato con il suo defunto marito Rene Angelil: due tagli a pera incastonati in un’ampia fascia di pavé, o due cuori di diamante e smeraldo astrattamente intrecciati, su un cuscino di ancora più diamanti. Questo LBD ti costringe a camminare un piede davanti all’altro. Questo è un abito che Celine conosce bene e che chiaramente ama, la più semplice evocazione del lusso privato della couture e la totale antitesi del trambusto da tappeto rosso che accompagna l’unione di moda e celebrità. È anche l’abito che ha indossato al funerale di René. #CelineTakesCouture Photo by @sophfei.

Una publicación compartida de Vogue (@voguemagazine) el 3 de Jul de 2017 a la(e) 10:25 PDT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *