Come rilevare e gestire la malocclusione nella ricerca sui topi

Se si lavora con i roditori da laboratorio abbastanza a lungo, è probabile che si trovi la malocclusione in alcuni dei vostri topi. Infatti, circa lo 0,05% dei topi C57BL/6J sviluppa questa condizione. Di conseguenza, i topi con malocclusione possono essere più piccoli e apparire meno in forma dei loro compagni di gabbia. La malocclusione dentale nei roditori è l’allineamento improprio dei denti. Normalmente, i loro denti sono macinati attraverso il contatto con altri denti. Ma, se la loro mascella è disallineata, i denti cresceranno troppo e l’animale avrà difficoltà a mangiare.

Che cos’è la malocclusione?

La malocclusione è un disturbo comune a molti ceppi di topi da laboratorio ed è facilmente diagnosticabile con un semplice esame orale. La malocclusione si verifica nei topi quando gli incisivi crescono troppo lunghi perché le loro mascelle sono disallineate. Pertanto, i denti mandibolari e mascellari non occludono correttamente (vedi tabella).

Perché i topi sono inclini alla malocclusione?

I roditori sono particolarmente inclini alla malocclusione perché i loro incisivi, o lunghi denti anteriori, hanno radici aperte e continuano a crescere durante la vita dell’animale. Un topo deve rosicchiare o masticare abbastanza per consumare gli incisivi ed evitare che crescano troppo. In natura, i denti dei roditori si consumano naturalmente attraverso il consumo di cibi duri e il comportamento di rosicchiamento. In laboratorio, queste condizioni sono imitate fornendo agli animali cibo per roditori formulato per essere abbastanza duro da consumare i denti.

Crescita degli incisivi

L’incisivo del topo è composto principalmente da dentina, con smalto formato solo sulla superficie labiale del dente. Man mano che il dente si consuma, le cellule pulpari producono più dentina in modo che la polpa del dente, dove risiedono i nervi, non sia mai esposta. L’eruzione degli incisivi nei topi giovani avviene tra i giorni 10-12 di età. Nei topi, il tasso di eruzione normale (che è uguale al tasso di attrito, in modo che gli incisivi rimangano di dimensioni costanti nei topi adulti) è di circa 2 mm/settimana per gli incisivi superiori e 2,8 mm/settimana per gli incisivi inferiori. Questo si traduce in un rinnovamento dell’intero dente in 35-45 giorni. Se i denti sono danneggiati, il tasso di crescita può aumentare.

Quali fattori influenzano la comparsa della malocclusione?

1. Trauma: Nei topi, la malocclusione degli incisivi e dei molari radicati è stata collegata al trauma dei denti in sviluppo. Questa condizione può svilupparsi a causa di un trauma contundente causato dal contatto con i coperchi della gabbia e con cibo troppo duro. Tali traumi possono anche essere inflitti da una manipolazione impropria e dai combattimenti con i compagni di gabbia.

2. Sfondo genetico: A causa di una maggiore incidenza in alcuni ceppi si suggerisce una base genetica per alcuni casi di malocclusione.

3. Mutazioni genetiche: Alcune mutazioni causano anche la malocclusione.

Quando è troppo tardi per diagnosticare la malocclusione?

La diagnosi della malocclusione è spesso ritardata fino a quando il topo è permanentemente colpito dalla malnutrizione che accompagna la condizione. La malocclusione non diagnosticata o non trattata può anche causare ascessi orali e facciali e osteomielite quando i denti in crescita penetrano nelle strutture facciali.

I topi con malocclusione possono essere più piccoli e sembrare meno in forma dei loro compagni di cucciolata.

Come gestire la malocclusione

La malocclusione dovrebbe essere il primo disturbo sospettato quando un topo è più piccolo e più sottile dei suoi compagni di cucciolata allo svezzamento. La raccomandazione standard per i topi con malocclusione trovati allo svezzamento è l’eutanasia. Quando la malocclusione inizia più tardi ed è dovuta a un trauma, alla formazione di un tumore orale o ad altre cause, è possibile gestire il trattamento di un prezioso topo attraverso un programma regolare di taglio dei denti con forbici a punta smussata per evitare un trauma orale involontario e aggiungendo una fornitura di dieta in polvere. Poiché la polpa non è esposta nei topi, il taglio dei denti non è doloroso, anche se la manipolazione intensiva necessaria per attuare un programma di taglio dei denti può essere stressante per gli animali. Quando si progetta un regime di taglio dei denti, ricordarsi di considerare il rapido tasso di crescita degli incisivi.

Autore: Dolores Garcia-Arocena, Ph.D.

Tradotto dal sito web del Jackson Laboratory. Articolo originale QUI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *