Congresso (Italiano)

Descrizione del caso: Paziente, donna di 31 anni, che ha consultato per presentare da 48 ore, dopo uno sforzo durante il sollevamento, un dolore intenso a livello della regione pubica destra. La paziente stessa lo definisce come una “stretta”. Non ha presentato febbre. Ha riferito una sensazione di nausea, senza vomito. Non ha presentato alterazioni nelle abitudini intestinali, tranne che per la stitichezza negli ultimi giorni. Non ha mostrato una sindrome da svuotamento. Il paziente è stato operato l’anno scorso per un’ernia inguinale destra con un’ernioplastica inguinale UltraProHernia System. Il decorso postoperatorio immediato è stato favorevole. Tuttavia, tre mesi dopo è stata indirizzata al reparto di chirurgia generale per la presenza di un leggero fastidio a livello del tratto inguinale. È stata valutata e sottoposta a un’ecografia in cui sono stati osservati solo risultati compatibili con la fibrosi nella zona. Come storia personale, il paziente non aveva allergie note ai farmaci. Fumava 12 pacchetti all’anno. Non aveva altri precedenti medici di interesse. A parte aver subito un intervento chirurgico un anno fa per un’ernia inguinale destra.

Esplorazione ed esami complementari: Il paziente era in buone condizioni generali, cosciente, orientato e cooperativo. Ben idratato e profumato. L’auscultazione cardiopolmonare era ritmica e senza murmure, a 65 battiti al minuto. Il murmure vescicolare era conservato senza rumori patologici. La saturazione era del 99%. L’addome era morbido e depressibile, senza masse o megaliti, non doloroso alla palpazione. Bloomberg e psoas negativi. A livello del tratto inguinale destro, nella regione pubica destra, è stato osservato un tumore o una massa. Le manifestazioni cliniche erano esacerbate dalla tosse, e l’esame era molto doloroso. Il resto dell’esame è stato irrilevante. Sono stati fatti dei tentativi per ridurre l’ernia, che non hanno avuto successo. Dato il sospetto di strangolamento, è stata inviata all’ospedale di riferimento per una valutazione. I seguenti test complementari sono stati eseguiti: emocromo completo, biochimica e coagulazione erano normali. Radiografia dell’addome in posizione eretta senza risultati. TAC addominale che mostra un meshoma. Le è stato diagnosticato un meshoma inguinale ed è stato asportato. Il paziente si è evoluto in modo soddisfacente nel periodo postoperatorio, senza febbre, nausea o vomito. Il dolore è stato controllato con la solita analgesia. Attualmente asintomatico.

Giudizio clinico: Meshoma.

Diagnosi differenziale: ernia ricorrente, infezione della rete erniaria, disturbi del plesso lombosacrale, altri disturbi neuropatici.

Commento finale: L’ernioplastica è un intervento molto comune nella pratica quotidiana. È quindi essenziale per un medico di base conoscere le possibili complicazioni di questo. Meshoma è la maglia protesica piegata, fomentando un grumo essendo una causa di inguinodynia.

BIBLIOGRAFIA

1. Amid PK, Hiatt JR. Nuova comprensione delle cause e del trattamento chirurgico dell’inginodinia e dell’orchalgia post-herniorrafia. J Am Coll Surg. 2007;205:381-5.

2. In mezzo al PK. Immagini radiologiche del meshoma: un nuovo fenomeno che causa dolore cronico dopo la riparazione protesica delle ernie della parete addominale. Arg Surg. 2004;139:1297-8.

3. Lange JF, Kauffman R, Wissmuller AR, Piere JP, Ploeg RJ. Un algoritmo di consenso internazionale per la gestione del dolore inguinale cronico postoperatorio. Ernia. 2015;19:33-43.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *