Edizione medica

MSP e PAHO/WHO hanno seguito la situazione della malaria nel paese.

MSP e PAHO/WHO hanno seguito la situazione della malaria nel paese.

Redazione. Quito

Professionisti del Ministero della Salute Pubblica (MSP), dell’Organizzazione Panamericana e Mondiale della Sanità (PAHO/WHO) in Ecuador, e il consigliere regionale per l’eliminazione della malaria, Blanca Escribano, hanno realizzato una giornata di lavoro di tre giorni, il cui obiettivo era di seguire la situazione della malaria nel paese, visitare il focus dell’isola Luis Vargas Torres a Esmeraldas, e partecipare alla quinta riunione del comitato consultivo nazionale della malaria.
In questo giorno, il Ministero della salute pubblica ha presentato al Comitato consultivo nazionale malaria le 10 raccomandazioni per i paesi che compongono l’E-20, al fine di approvare il piano strategico per l’eliminazione e la prevenzione della malaria ristabilimento 2020-2025.

Si noti che l’Ecuador ha una statificazione del rischio malaria basato sulla ricettività e il rischio di importare il parassita. Inoltre, il paese si sta concentrando sulla riattivazione del ruolo dei promotori della salute della comunità per abbreviare i tempi di diagnosi e garantire la partecipazione organizzata della comunità per rafforzare la strategia DTIR (Diagnosi, trattamento, ricerca e risposta) che il paese ha adottato per l’intervento sui punti caldi della malaria. Secondo la PAHO/WHO, la trasmissione della malaria nel paese è concentrata nelle province di Esmeraldas e Carchi (al confine con la Colombia), dove predomina il P. falciparum, e in quattro province amazzoniche al confine con il Perù (Sucumbíos, Orellana, Pastaza e Morona Santiago), dove predomina il P. vivax.
E, ad oggi, sono stati identificati 19 focolai di trasmissione o micro-aree: 2 in Esmeraldas (San Lorenzo e Luis Vargas Torres Island), 3 in Orellana (Aguarico, El Eden e Alejandro Labaka), 9 in Pastaza (Cururay-Lorachi, Pindoyacu-Tigre, Fiumi Conambo-Juyuintza, Bobonaza-Makuzar, Pastaza, Charapacocha, Cururay, Tonampare e Tarangaro) e 5 a Morona Santiago (Shuin Mamu, Wapuik, Tukup, Kapatinentsa e Santa Rosa).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *