Effetti della melatonina nei bambini ADHD con disturbi del sonno


SOMMARIO

Metilfenidato (MPH), il farmaco di prima linea nei bambini con disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), è associato ad un aumentato rischio di disturbi del sonno. La melatonina ha proprietà ipnotiche e cronobiotiche che influenzano i disturbi del sonno nel ritmo circadiano. Questo studio esplora l’efficacia della melatonina nei bambini con ADHD che hanno sviluppato problemi di sonno dopo aver iniziato MPH.

Questo studio, basato su un database clinico, ha incluso 74 bambini (69 ragazzi, età media 11, 6 ± 2, 2 anni) trattati naturalmente con MPH (dose media 33, 5 ± 13, 5 mg/d). La gravità dei disturbi del sonno (insorgenza ritardata del sonno) è stata registrata al basale e dopo un follow-up di almeno 4 settimane utilizzando una scala Likert a sette punti secondo il punteggio Clinical Global Impression of Severity. L’efficacia della melatonina sul sonno (dose media 1.85 ± 0.84 mg/d) dopo 4 settimane è stata valutata con una scala Likert a sette punti secondo il punteggio Clinical Global Impression Improvement (CGI-I), e i pazienti che hanno ottenuto un punteggio di 1 (molto migliorato) o 2 (molto migliorato) sono stati considerati come rispondenti al trattamento con melatonina.

La gravità clinica dei disturbi del sonno era 3, 41 ± 0, 70 al basale e 2, 13 ± 1, 05 dopo il follow-up (p <0, 001). Secondo il punteggio CGI-I, 45 pazienti (60, 8%) hanno risposto al trattamento con melatonina. Il sesso e l’età (bambini più giovani di 12 anni) non hanno influenzato la risposta alla melatonina durante il sonno. I pazienti con o senza comorbidità non differivano in base alla risposta al sonno. Le comorbidità specifiche con disturbi del comportamento dirompente (disturbo oppositivo provocatorio o disturbo della condotta), disturbi affettivi (umore e ansia) e difficoltà di apprendimento non hanno influenzato l’efficacia della melatonina nel sonno. Il trattamento è stato ben tollerato e non sono stati riportati effetti collaterali legati alla melatonina.

Nei bambini ADHD con problemi di sonno dopo aver ricevuto il trattamento MPH, la melatonina può essere un trattamento efficace e sicuro, indipendentemente dal sesso, dall’età e dalle comorbidità.

Per il testo completo vedere le caratteristiche originali dell’abbonamento alla fonte:https://www. dovepress. com

ABSTRACT

Scopo: Il metilfenidato (MPH), il farmaco di prima linea nei bambini con disturbo da deficit di attenzione/iperattività (ADHD), è associato ad un aumentato rischio di disturbi del sonno. La melatonina ha sia proprietà ipnotiche che cronobiotiche che influenzano i disturbi del sonno a ritmo circadiano. Questo studio esplora l’efficacia della melatonina nei bambini con ADHD che hanno sviluppato problemi di sonno dopo aver iniziato l’MPH.
Pazienti e metodi: Questo studio, basato su un database clinico, ha incluso 74 bambini (69 maschi, età media 11,6±2,2 anni) trattati naturalisticamente con MPH (dosaggio medio 33,5±13,5 mg/d). La gravità del disturbo del sonno (ritardo dell’insorgenza del sonno) è stata registrata al basale e dopo un follow-up di almeno 4 settimane utilizzando una scala Likert a sette punti secondo il punteggio Clinical Global Impression Severity. L’efficacia della melatonina sul sonno (dosaggio medio 1,85±0,84 mg/d) dopo 4 settimane è stata valutata usando una scala Likert a sette punti secondo il punteggio Clinical Global Impression Improvement (CGI-I), e i pazienti che hanno ottenuto 1 (molto migliorato) o 2 (molto migliorato) sono stati considerati responders.
Risultati: La gravità clinica dei disturbi del sonno era 3,41±0,70 al basale e 2,13±1,05 dopo il follow-up (P<0,001). Secondo il punteggio CGI-I, 45 pazienti (60,8%) hanno risposto al trattamento con melatonina. Il sesso e l’età (bambini più giovani e più grandi di 12 anni) non hanno influenzato la risposta alla melatonina sul sonno. I pazienti con o senza comorbidità non differivano secondo la risposta al sonno. Le comorbidità specifiche con disturbi di comportamento dirompenti (disturbo oppositivo provocatorio o disturbo della condotta), disturbi affettivi (umore e ansia) e difficoltà di apprendimento non hanno influenzato l’efficacia della melatonina sul sonno. Il trattamento è stato ben tollerato e non sono stati riportati effetti collaterali legati alla melatonina.
Conclusione: nei bambini con ADHD con problemi di sonno dopo aver ricevuto un trattamento MPH, la melatonina può essere un trattamento efficace e sicuro, indipendentemente dal sesso, dall’età e dalle comorbidità.

disordine da deficit di attenzione/iperattività, disturbi del sonno, bambini, melatonina, metilfenidato

Url corta de esta página: http://psiqu.com/2-58623
Etiquetas: Trastorno por déficit de atención / hiperactividad, trastornos del sueño, niños, melatonina, metilfenidato.

¿Eres psiquiatra o psicó[email protected]?

Mantente informado y capta nuevos clientes.
Registrati gratis su psiquiatria.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *