ELLE Argentina (Italiano)

Checkers Gambit in pochi giorni è diventata una delle serie da non perdere del 2020. Interpretato da Anya Taylor-Joy e originale Netflix, è un dramma che racconta in dettaglio la storia di un prodigio degli scacchi orfano che combatte la dipendenza dalla droga e dall’alcol per competere con i giocatori d’élite di tutto il mondo.

Il racconto, lungo solo sette episodi, è tanto emozionante quanto avvincente. Presenta uno sguardo nel mondo meno conosciuto degli scacchi, più la vita delle donne negli anni ’60 e naturalmente la moda meticolosamente curata.

Ma dal lancio, il fandom è stato ansioso di sapere di più sulla serie, dalle sue famose star, gli attori di Harry Potter e Love Actually, alla storia della vita reale che potrebbe aver ispirato la narrazione Così qui riassumiamo tutto quello che devi sapere.

Era Beth Harmon una persona reale?

Purtroppo per coloro che cercano disperatamente di scoprire di più sulla vera storia dietro lo show, Harmon (interpretato dalla Taylor-Joy) non era una persona reale.

Tuttavia, l’esperto di scacchi Dylan Loeb McClain suggerisce che la storia del personaggio ricorda quella del famoso prodigio maschile di scacchi Bobby Fischer.

In un articolo del New York Times, il professionista degli scacchi scrive: “Fischer stesso era stato molto sprezzante delle giocatrici, dicendo in un’intervista del 1963 che erano “terribili” e che una probabile ragione era che “non sono così intelligenti”. Fare di Beth una versione femminile di Fisher può essere stato un dispositivo intelligente e meraviglioso.”

Fa anche notare che la serie copre un periodo di 10 anni, dal 1958 al 1968. Questo coincide con il picco della carriera di Fischer (all’età di 14 anni vinse il campionato USA 1957).

Anche Beth vince il campionato USA 1967. Quello fu l’anno in cui Fischer vinse il suo ottavo e ultimo titolo statunitense. Poi l’esperto aggiunge: “Dopo che la sua madre adottiva muore in Messico, Beth, che è adolescente, è rimasta sola. Nel caso di Fisher, dopo che sua sorella maggiore si sposa e se ne va, anche sua madre lo lascia a vivere da solo. Aveva 16 anni.”

Sia la Fischer della vita reale che la Beth Harmon immaginaria imparano il russo, hanno un’affinità per la moda di alto livello ed entrambi giocano lo stesso attacco quando giocano a White, sottolinea anche Loeb McClain.

Inoltre, le partite che Harmon gioca nella serie sono basate su competizioni reali, come quelle che hanno avuto luogo in Lettonia e a Parigi.

Come è passato Lady’s Gambit dal romanzo allo schermo?

La serie è basata sul romanzo omonimo del 1983, scritto da Walter Tevis. Ma il suo viaggio verso la celebrità è stato tutt’altro che semplice. Secondo un’intervista del 1983 al New York Times, Tevis trasse ispirazione per la storia del suo protagonista dalla sua stessa vita. Ho iniziato a giocare a scacchi con mia sorella e i bambini del mio isolato”, ha detto alla pubblicazione.

Per quanto riguarda la dipendenza, ha rivelato: “Quando ero giovane, mi è stato diagnosticato un cuore reumatico e mi hanno dato pesanti dosi di farmaci in un ospedale. “Scriverne è stato purgativo. C’è stato un po’ di dolore, ho sognato molto mentre scrivevo quella parte della storia. Ma artisticamente, non mi sono permessa di essere autoindulgente.”

Tevis, morta un anno dopo la pubblicazione del romanzo, descrive la sua opera come “un omaggio alle donne intelligenti.”

“Mi piace Beth per il suo coraggio e la sua intelligenza. In passato, molte donne hanno dovuto nascondere il loro cervello, ma non oggi”, ha spiegato.

Dopo la morte di Heath Ledger nel 2008, The Independent ha riportato che prima della sua morte, l’attore era stato messo in fila per dirigere un adattamento cinematografico del romanzo. “L’attore australiano era destinato a dirigere e recitare al fianco di Ellen Page”, si legge nella notizia.

Ma lo sceneggiatore della serie Allan Shiach, che scrive sotto il nome di Allan Scott e ha acquistato i diritti di Lady Gambit nel 1992, ha chiarito: “Il libro era più sul viaggio interiore del personaggio centrale Beth. È difficile da drammatizzare. Si trattava più di scacchi che di personaggi. Ho capito che se volevo portare avanti il progetto, avrei dovuto trovare il giusto equilibrio tra questi due elementi.”

Shiach alla fine ha adattato il romanzo per Netflix, diventando co-creatore e produttore esecutivo della serie del 2020.

Cos’altro sappiamo del cast

La serie ha un cast piuttosto stellare, con molte star britanniche.

Taylor-Joy interpreta il personaggio del titolo, dopo i suoi ruoli in The Witch, Split, The Miniaturist ed Emma . Di origini argentine e a soli 24 anni è entrata anche nel cast di Peaky Blinders.

Thomas Brodie-Sangster è certamente riconoscibile nel ruolo di Benny Watts. Il trentenne è meglio conosciuto per il suo ruolo in Love Actually (sì, è ‘il ragazzo’), oltre ad aver interpretato personaggi in Game of Thrones, The Maze Runner e Nowhere Boy.

Via ELLE UK

Guarda anche:
> Il nuovo film di Valeria Bertuccelli e il dibattito sulla morte con dignità

Il nuovo film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *