I 6 più importanti sovrani della Mesopotamia

Alcuni dei sovrani della Mesopotamia che sono stati più importanti nella storia di questa regione per i loro successi e gli eventi di cui sono stati protagonisti sono Gilgameš, Sargon I di Akkadia, Naram-Sin e Hammurabi.

La Mesopotamia è conosciuta come un’antica civiltà dell’Estremo Oriente, famosa per essere stata insieme all’Antico Egitto la prima civiltà dell’umanità. La Mesopotamia è riconosciuta come la prima città-stato con governanti registrati nella storia.

I giardini pensili della Mesopotamia.

Situata nell’attuale Iraq, era delimitata dai fiumi Tigri ed Eufrate, che contribuirono significativamente allo sviluppo di attività come l’agricoltura.

Numerose invenzioni, come la ruota, la scrittura, la legge, i sistemi di numerazione e importanti concetti di matematica, architettura e astronomia sono stati ideati dalla civiltà mesopotamica, per cui è solitamente considerata la culla della conoscenza umana.

Il loro governo aveva una struttura gerarchica dove il re era la figura di massima autorità. Durante la sua storia, la Mesopotamia ha avuto diversi re regnanti. I più importanti furono:

Gilgameš (2650 a.C.)

Rilievo di un palazzo assiro nell’antica città di Dur Sharrukin di Gilgamesh

Era il quinto re della città di Uruk. Il suo dominio precedette la fondazione del Primo Impero in Mesopotamia.

Era considerato un semidio, e intorno a lui furono creati numerosi miti e leggende, tra cui l’Epopea di Gilgameš, considerata la prima opera letteraria del mondo.

Sargon I di Akkadia (2335 – 2279 a.C.)

Busto di un sovrano accadico, probabilmente Sargon I di Akkadia

Conosciuto anche come Sargon I Il Grande, fu fondatore e re del primo impero della storia umana, l’impero accadico.

Unificando le città della Mesopotamia sotto un unico dominio, la sua dinastia governò per 5 generazioni fino alla morte del suo pronipote Sharkalisharri nel 2198 a.C.

Naram-Sin (2254 – 2279 a.C.)

Naram-Sin che schiaccia i suoi nemici, Stele della Vittoria

Durante il suo regno l’impero accadico raggiunse il suo picco massimo, conquistando nella sua totalità i territori della Mesopotamia, estendendosi oltre la Siria e il Golfo Persico.

Al suo apice, Naram-Sin si proclamò “Re dei quattro quarti dell’universo”, ordinando di costruire in suo onore la famosa stele della vittoria che lo mostra mentre schiaccia i cadaveri dei suoi nemici.

Fu il primo sovrano della Mesopotamia a considerarsi un dio.

Hammurabi (1792 – 1752 a.C.)

Parte superiore del Codice di Hammurabi

Sesto re di Babilonia durante la prima dinastia babilonese, ha creato il primo impero babilonese.

Fu anche il creatore del Codice di Hammurabi, considerato il primo codice di leggi della storia. Stabiliva le leggi per le cose di tutti i giorni, come i salari, i prezzi e le pene giudiziarie.

Si tratta di una stele alta più di 2 metri con quasi 300 tenute, attualmente è conservata nel museo del Louvre.

Nebuchadnezzar II (654 – 562 a.C.)

Il volto di Nabucodonosor II

Forse il più noto dei sovrani della Mesopotamia vista la sua menzione nella Bibbia, specificamente nel libro di Daniele.

Fu responsabile della conquista di Gerusalemme e durante il suo governo furono costruiti i famosi Giardini Pensili di Babilonia, una delle 7 meraviglie del mondo antico.

Gerxes I (519 – 465 a.C.BC)

Gerxes I

Conosciuto anche come Serse il Grande, fu il quinto re dell’Impero Persiano. Il suo nome, Jshāyār shāh, significa “Sovrano degli eroi”

Gerxes fu coinvolto nella seconda guerra mediana, che portò alla conquista di Atene da parte dei Persiani.

Riferimenti

  1. Richard N. Frye, Dietz O. Edzard, Wolfram Th. von Soden. (2013). Storia della Mesopotamia. 2017, dal sito di Encyclopædia Britannica: Storia della Mesopotamia.
  2. Kessler Associates. (2002). Regni del Medio Oriente. 2017, dal sito web di Kessler Associates: Regni del Medio Oriente.
  3. Collezione Storia e Civiltà. (2017). Storia dell’impero babilonese. Stati Uniti: Edizioni Le Mono.
  4. TimeMaps. (2014). Storia dell’antica Mesopotamia. 2017, de TimeMaps Sitio web: Storia dell’antica Mesopotamia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *