ICU-VITA (Italiano)

Migra Ergofalea
Ibuprofeno – Cafeína – Ergotamina tartrato
Composizione:
Ibuprofeno ………………………………………. 400 mg
Cafeína ……………………………………………. 100 mg
Ergotamina tartrato ……………………………….. 1 mg
Excipientes ……………………………… c.s.p. 1 comp.
Presentazioni:
Envases conteniendo 10 y 20 comprimidos.
Acción terapéutica:
Antijaquecoso.
Migra Ergofalea è costituito da un’associazione di fármacos che offrono un’alta efficacia per il trattamento delle malattie sessuali e delle migrazioni.
Ibuprofeno: rappresenta un rapido e sicuro analgésico, meglio tollerato che altre droghe antiinfiammatorie non esteroidee.
Ergotamina: (alcaloide derivato della segale cornuta), presenta una potente azione vasocostrittrice essendo indicata nel trattamento delle emicranie in tutte le sue forme.
Cafeína: aumenta l’assorbimento dell’ergotamina aumentando l’effetto vasocostrittore.
Indicazioni:
Migra Ergofalea è indicato per il trattamento di emicranie ed emicranie nelle sue forme multiple.
Contraindicazioni:
Migra Ergofalea è controindicato nei casi di ipersensibilità conosciuta ad alcuni dei suoi componenti. In ipertensione mal controllata, sepsi o shock, malattia vascolare periferica, cardiopatia ischemica, grave insufficienza epatica o renale, arterite temporale, emicrania emiplegica o basilare.
Non prendere Migra Ergofalea se hai anche una delle seguenti condizioni:
– grave malattia epatica o renale,
– hai feci nere o diarrea sanguinolenta,
– hai avuto un’ulcera gastrica o duodenale o sanguinamento o hanno avuto una perforazione del tratto digestivo,
– sanguinamento o disturbi della coagulazione del sangue, o si sta prendendo anticoagulanti,
– si vomita sangue,
– sei incinta o in allattamento.
Precauzioni:
Migra Ergofalea deve essere preso solo durante gli attacchi acuti di emicrania o mal di testa di tipo vascolare (cefalea vasomotoria) e non come un trattamento per prevenire il loro verificarsi.
L’uso eccessivo di Migra Ergofalea dovrebbe essere evitato in quanto può aggravare e aumentare la frequenza del verificarsi di mal di testa.
L’uso prolungato di Migra Ergofalea o l’uso a dosi superiori a quelle raccomandate deve essere evitato in quanto dosi superiori a quelle raccomandate possono causare la costrizione delle arterie che può portare a disturbi cerebrali o cardiaci (vasospasmo) e dopo un trattamento prolungato può portare a cambiamenti nella membrana che riveste i polmoni (pleura), la membrana che riveste le anse intestinali (peritoneo) o più raramente, delle valvole cardiache.
Se lei è un atleta deve sapere che questo medicinale contiene caffeina che può stabilire un risultato di controllo del doping come positivo.
In caso di formicolio, intorpidimento o bruciore della pelle o freddezza delle mani e dei piedi, si dovrebbe interrompere il trattamento e consultare il medico.
Non usare nei bambini sotto i 6 anni di età.
Amministrare con cautela negli anziani in quanto sono soggetti a malattie vascolari.
Consultare il proprio medico prima di iniziare a prendere Migra Ergofalea:
– se avete edema (ritenzione di liquidi),
– se avete asma o qualsiasi altro disturbo respiratorio,
– se avete o avete mai avuto un disturbo cardiaco o pressione alta,
– se avete sintomi di disidratazione, per esempio diarrea grave o vomito bere molti liquidi e contattare immediatamente il medico, come Migra Ergofalea in questo caso particolare potrebbe portare a insufficienza renale come risultato di disidratazione,
– se si stanno prendendo anche farmaci che influenzano la coagulazione del sangue come anticoagulanti orali, farmaci antipiastrinici come acido acetilsalicilico. Si dovrebbe anche discutere con il medico l’uso di altri farmaci che potrebbero aumentare il rischio di tali emorragie come corticosteroidi e antidepressivi inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina,
– se si sta prendendo diuretici (farmaci per la minzione) perché il medico deve monitorare la funzione renale,
– se avete una malattia dei reni o del fegato,
– se avete avuto o sviluppate un’ulcera, un’emorragia o una perforazione nello stomaco o nel duodeno, che può essere manifestata da dolore addominale grave o persistente e/o feci nere, o anche senza precedenti sintomi di avvertimento,
– se hai il morbo di Crohn (una malattia cronica in cui il sistema immunitario attacca l’intestino causando infiammazione, di solito con conseguente diarrea sanguinolenta) o la colite ulcerosa,
– se hai il lupus eritematoso sistemico (una malattia cronica che colpisce il sistema immunitario e può colpire vari organi vitali, il sistema nervoso, i vasi sanguigni, la pelle e le articolazioni) in quanto sei già affetto da lupus eritematoso (una malattia cronica che colpisce il sistema immunitario e può colpire vari organi vitali, il sistema nervoso, i vasi sanguigni, la pelle e le articolazioni), la pelle e le articolazioni) come meningite asettica (infiammazione delle meningi che sono le membrane che proteggono il cervello e il midollo spinale, non causata da batteri) può verificarsi,
– se si dispone di porfiria intermittente acuta (una malattia metabolica che colpisce il sangue e può causare sintomi come urina rossastra, sangue nelle urine o malattie del fegato).
Reazioni avverse:
Capogiri, nausea e vomito non correlati all’emicrania e dolori addominali.
Intorpidimento e formicolio delle dita delle mani e dei piedi, colorazione bluastra della pelle e delle mucose, diarrea, dolore e debolezza a braccia e gambe.
Sbagliamento, battito cardiaco rapido o lento, aumento della pressione sanguigna, eruzione cutanea, gonfiore del viso, orticaria, dolore muscolare, mancanza di polso e respiro corto, mal di testa.
Infarto miocardico o angina pectoris, cancrena.
Disturbi gastrointestinali: indigestione, emorragia, ulcere gastriche o duodenali, ulcere della bocca, perforazione gastrica o intestinale, flatulenza, costipazione, infiammazione dell’esofago e ulcere o infiammazione dell’intestino.
Disordini della pelle e del tessuto sottocutaneo: arrossamento della pelle, prurito o gonfiore della pelle, gonfiore delle labbra, del viso o della lingua, aumento delle secrezioni nasali, gravi reazioni allergiche (shock anafilattico), grave prurito o vesciche della pelle ad insorgenza improvvisa, dolore alle articolazioni e febbre (lupus eritematoso), perdita dei capelli, reazioni della pelle dovute all’influenza della luce, gravi reazioni della pelle come vasculite allergica, sindrome di Lyell, sindrome di Stevens-Johnson e necrolisi epidermica tossica.
Disturbi del sistema nervoso centrale: affaticamento o sonnolenza, mal di testa, insonnia, ansia, irrequietezza, disturbi visivi, ronzii nelle orecchie, disorientamento o confusione, agitazione, irritabilità o depressione, visione anormale o offuscata e difficoltà uditive, meningite asettica.
Disordini del sangue e del sistema linfatico: tempo di sanguinamento prolungato, diminuzione dei globuli bianchi (può manifestarsi con la comparsa di frequenti infezioni con febbre, brividi o mal di gola), diminuzione dei globuli rossi (può manifestarsi con mancanza di respiro e pelle pallida).
Disordini renali e urinari: disturbi renali o insufficienza renale.
Disordini epatobiliari: Poiché Migra Ergofalea contiene Ibuprofene può essere associato, in rari casi, a danni al fegato, epatite (infiammazione del fegato) e ittero (ingiallimento della pelle).
Interazioni:
La somministrazione di antibiotici macrolidi (eritromicina, claritromicina), farmaci per il trattamento dell’infezione da HIV (per esempio ritonavir, indinavir, nelfinavir, amprenavir, zidovudina) o farmaci per il trattamento di infezioni fungine (per esempio ketoconazolo, itraconazolo, voriconazolo) con Migra Ergofalea può causare una mancanza di irrigazione come aumentano i livelli ematici di ergotamina. Altri farmaci che possono causare interazioni sono: farmaci per il trattamento delle malattie cardiovascolari e della pressione sanguigna come il propranololo, altri preparati contenenti alcaloidi della segale cornuta, nicotina (ad esempio il fumo pesante) e farmaci per il trattamento dell’emicrania come il sumatriptan.
Perché Migra Ergofalea contiene Ibuprofene deve informare il medico se sta prendendo anche:
– Altri farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)
– Litio (un farmaco usato per trattare la depressione). Il medico può regolare la dose di questo farmaco.
– Mifepristone
– Idantoine come la fenitoina (usata per trattare l’epilessia)
– Metotrexate. Il medico può regolare la dose di questo farmaco per voi.
– Sulfamidici come sulfametossazolo e co-trimoxazolo (utilizzato nel trattamento di alcune infezioni batteriche).
– Corticosteroidi come cortisone e prednisolone, Pentossifillina, Probenecid, antibiotici del gruppo chinolone come Norfloxacina, Tacrolimus, Diuretici, Fluconazolo, Sulfoniluree come tolbutamide, Sulfinpyrazone.
– Farmaci che abbassano la pressione alta (ACE inibitori come il captopril, beta-bloccanti come l’atenololo e antagonisti del recettore dell’angiotensina-II come il losartan).
– Farmaci anticoagulanti (ad esempio per trattare problemi di coagulazione/prevenire la coagulazione, ad esempio acido acetilsalicilico, warfarin, ticlopidina).
Posologia:
Via di somministrazione: Orale
Seguire esattamente le istruzioni per l’assunzione del medicinale riportate in questo foglio o secondo le indicazioni del medico.
Adulti: Se si assume Migra Ergofalea per la prima volta, si raccomanda una dose di 2 compresse. Se il dolore non è diminuito entro mezz’ora, puoi prendere un’altra compressa. Questo può essere ripetuto a intervalli di mezz’ora senza superare la dose massima giornaliera.
Crisi successive: a seconda delle dosi che sono state necessarie nelle crisi precedenti, la dose iniziale può essere aumentata a 3 compresse. Se necessario, ulteriori dosi di una compressa possono essere somministrate a intervalli di mezz’ora fino al raggiungimento della dose massima.
Bambini (dai 6 anni di età): La dose iniziale è 1 compressa di Migra Ergofalea. Se necessario, due dosi aggiuntive di 1 compressa possono essere date a intervalli di mezz’ora durante il corso di un attacco.
Dose massima giornaliera:
Adulti: 6 mg di ergotamina tartrato = 6 compresse.
Bambini: 3 mg di ergotamina tartrato = 3 compresse.
Dose massima settimanale:
Adulti: 10 mg di ergotamina tartrato = 10 compresse.
Bambini: 5 mg di ergotamina tartrato = 5 compresse.
Conservazione:
Conservare a temperatura ambiente (15-30)ºC.
Tenere fuori dalla portata dei bambini.
In caso di avvelenamento chiamare il C.I.A.T. (Information and Advisory Centre). (Centro de Información y Asesora-miento Toxicológico), Hospital de Clínicas, Tel.: 1722.
Laboratorios ICU-VITA S.A.
Cno. Castro 489 – Montevideo – Uruguay
Tel.: 2309 1993
www.icuvita.com.uy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *