Il consumo di melatonina riduce l’accumulo di grasso nel fegato

Il consumo di melatonina per sei settimane aiuta a ridurre l’accumulo di grasso nel fegato non alcolico e aiuta a combattere l’obesità e il diabete. Questo è stato trovato da scienziati dell’Università di Granada, dell’Ospedale Universitario La Paz di Madrid e dell’Università del Texas (Stati Uniti) in uno studio condotto sui ratti e pubblicato nel Journal of Pineal Research.

I ricercatori, che ora hanno intenzione di avviare studi clinici per testare l’efficacia della somministrazione di questo ormone negli esseri umani, dicono di aver osservato anche un miglioramento dell’infiammazione del fegato, e che i risultati sono in linea con quelli che loro stessi hanno ottenuto in altre ricerche negli ultimi quattro anni e mostrano che la somministrazione farmacologica di melatonina combatte l’obesità e il diabete nei ratti Zucker.

La melatonina è un ormone naturale secreto dal sistema endocrino in assenza di luce ed è responsabile, tra le altre funzioni, della regolazione dell’orologio biologico. Può anche essere sintetizzato artificialmente e negli ultimi anni si è diffuso il suo uso terapeutico per combattere alcuni tipi di insonnia, regolare i cicli sonno-veglia, o per alleviare alcuni effetti collaterali dei trattamenti contro il cancro.

La sua possibile applicazione per combattere l’accumulo di grasso nel fegato è un passo importante nella lotta contro una patologia, il fegato grasso non alcolico, che continua ad aumentare, colpendo milioni di persone nel mondo, ed è strettamente legata all’obesità e al diabete.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *