Il Messico si classifica come il paese più insicuro e peggio pagato dell’OCSE


Insicurezza

Le cifre, infatti, mostrano che una percentuale maggiore di messicani si sentiva più sicura nel 2010, mentre nel 2018 la cifra era diminuita.

Secondo le statistiche mostrate dall’Organizzazione, tra il 2010 e il 2012, più della metà dei messicani ha risposto di sentirsi sicura camminando per le strade della città in cui vive, mentre per il periodo dal 2016 al 2018, solo il 42% ha risposto affermativamente alla stessa domanda.

Ovvero, nel 2010, il 50,4% dei cittadini del paese si sentiva sicuro, mentre nel 2018 questa cifra è scesa al 42,5%, mostrano le statistiche dell’organizzazione internazionale.

“8 uomini su 10, in media, si sentono sicuri; mentre 6 donne su 10 hanno riferito lo stesso quando camminano da sole verso casa. Questo riflette il fatto che le donne sono più a rischio di aggressioni sessuali”.

Il rapporto indica anche che il secondo paese della lista – con la più alta percezione di insicurezza – è la Colombia, anche se il suo livello di omicidi per 100.000 abitanti è superiore a quello del Messico.

Si consiglia:

Salari poveri

Il Messico paga anche i peggiori salari ai suoi lavoratori a tempo pieno. La media OCSE è di 60.000 dollari all’anno, mentre in Messico le gamme sono sotto i 20.000 dollari.

Come si nota nelle cifre, nel 2010 i messicani guadagnavano una media di 16.183 dollari all’anno; 10 anni dopo il loro reddito era aumentato solo a 16.298 dollari all’anno, ovvero 115 dollari.

Il colore della tua pelle può portarti al successo…. O non | #ThatSomeoneWillExplainMe

E mentre questo significherebbe che in media il messicano medio riceverebbe uno stipendio di poco più di 27.000 pesos al mese, avverte che la media è influenzata dal gap di coloro che guadagnano di più.

“Il 20% più ricco guadagna ancora dieci volte di più di coloro che si trovano alla base della distribuzione del reddito in Messico, il più alto livello di disuguaglianza di reddito tra i paesi OCSE.”

Raccomandazioni di fronte all’insicurezza

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *