Il salvataggio dell’elicottero NH90 di Koninklijke Marine è difficile

Il salvataggio dell'elicottero NH90 è un lavoro difficile. Koninklijke Marine NH90.
Lo stato dell’NH90 di Koninklijke Marine si è schiantato ieri ad Aruba, finora non recuperabile.

L’elicottero NH90 della Koninklijke Marine che si è schiantato in mare circa 28 ore fa è poco più di 60 chilometri a ovest di Aruba.

L’aereo sta galleggiando a testa in giù e le correnti lo stanno spostando verso acque più profonde. I suoi quattro galleggianti impediranno alla macchina di affondare in fondo al mare per il momento, ma come sottolinea il direttore delle operazioni, il contrammiraglio Boudewijn Boots, “non dureranno per sempre”.

La Guardia Costiera sta cercando di evitare di perdere l’NH90, poiché al momento l’elicottero non ha ancora potuto essere rimorchiato a causa delle condizioni del mare, con onde e forti venti che influenzano negativamente gli sforzi di salvataggio.

Recuperare la macchina è imperativo per determinare con precisione la causa dell’incidente. Il sistema di registrazione voce e dati (CVFDR) fornirà informazioni critiche attraverso le conversazioni fatte dall’equipaggio a bordo e i parametri di volo, hanno già individuato e secondo il contrammiraglio Boots è in buone condizioni.

Tuttavia la priorità assoluta della Difesa è quella di riportare al più presto in Olanda i due membri dell’equipaggio morti nello schianto.

Anche i due compagni, che ce l’hanno fatta da soli dall’elicottero, torneranno a casa.

I superstiti e i loro due compagni sono ancora a bordo dello Zr.Ms. Groningen. La nave era vicina all’NH90 quando ha dovuto atterrare in mare.

L’ispettorato della difesa, il consiglio di sicurezza olandese e la procura sono coinvolti nell’inchiesta sulle cause dell’incidente.

Sospeso il programma di volo degli elicotteri NH90

Il salvataggio dell'elicottero NH90 della Koninklijke Marine è difficile Un NH90 della Koninklijke Marine sul ponte di poppa della Zr.Ms. Groningen.
Immagine di file di un NH90, Koninklijke Marine, sul ponte di poppa della Zr.Ms. Groningen (19 aprile 2017).

Per precauzione, la flotta NH90 rimarrà a terra per il momento. Il ministro della difesa Ank Bijleveld-Schouten ha informato ieri la Camera della decisione presa in seguito allo schianto in mare dell’elicottero in cui sono caduti gli aviatori C.M. (femmina, 34 anni) e E.W. (maschio, 33 anni).

Le forze armate dei Paesi Bassi hanno una flotta totale di 20 elicotteri NH90. È la prima volta che si verifica un incidente con questo tipo di aereo e l’indagine dovrebbe rivelare le cause di questa terribile disgrazia.

Condividi questo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *