Interazioni del metronidazolo orale con il cibo

Interazioni del metronidazolo orale con il cibo

Principio attivo: metronidazolo orale

Il metronidazolo somministrato per via orale viene assorbito ad un tasso del 90%.

Il tasso di assorbimento e la concentrazione di picco del metronidazolo somministrato per via orale diminuiscono quando il farmaco viene somministrato con il cibo, anche se questo non riduce la quantità totale assorbita dell’antibiotico.

Alcune osservazioni puntano nella direzione opposta e concludono che in soggetti normali o almeno con intestino completo, il cibo non sembra esercitare un’influenza tangibile sull’assorbimento di questo farmaco, anche se il cibo riduce significativamente la biodisponibilità relativa del metronidazolo quando è presente un disturbo intestinale, come la malattia di Crohn.

D’altra parte, la somministrazione con il cibo di una singola dose da 750 mg di una formulazione a rilascio prolungato in volontari sani ha prodotto una concentrazione di picco superiore del 40% rispetto al digiuno, con il Tmax del farmaco assunto con il cibo che va da 4.Da 6 ore a 6,8 ore di digiuno.

Il produttore raccomanda di prendere il farmaco tra i pasti.

Riferimenti

1: Lamp KC, Freeman CD, Klutman NE, Lacy MK. Farmacocinetica e farmacodinamica degli antimicrobici nitroimidazoli. Clin Pharmacokinet. 1999May;36(5):353-73.
2: Spénard J, Aumais C, Massicotte J, Brunet JS, Tremblay C, Grace M, Lefebvre M.Effects of food and formulation on the relative bioavailability of bismuthbiskalcitrate, metronidazole, and tetracycline given for Helicobacter pylorieradication. Br J Clin Pharmacol. 2005 Oct;60(4):374-7.
3: Melander A. Influenza del cibo sulla biodisponibilità dei farmaci. Clin Pharmacokinet. 1978 Sep-Oct;3(5):337-51.
4: Melander A, Kahlmeter G, Kamme C, Ursing B. Biodisponibilità di metronidazolo in soggetti sani a digiuno e non a digiuno e in pazienti con malattia di Crohn.Eur J Clin Pharmacol. 1977 Aug 17;12(1):69-72.
5: McEvoy, G.K. (ed.). American Hospital Formulary Service. AHFS Drug Information. Società americana dei farmacisti del sistema sanitario, Bethesda, MD. 2006., p. 892.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *