Jacob deGrom


Minor leagueEdit

DeGrom è stato selezionato al nono turno del draft 2010 dai New York Mets. È stato assegnato alla lega rookie Kingsport Mets ma è stato diagnosticato con un legamento strappato nel suo gomito destro, così ha subito un intervento chirurgico Tommy John e non ha giocato durante la stagione 2011. Durante la sua riabilitazione, ha lavorato sul suo changeup con Johan Santana.

Nel 2012, ha lanciato con i Savannah Sand Gnats e St. Lucie Mets, finendo l’anno con un 2,43 ERA in 19 partenze. Nel 2013, è stato promosso alla classe AA Binghamton Mets e poi alla classe AAA Las Vegas 51s per riempire i posti vacanti lasciati da Zack Wheeler, Carlos Torres e Collin McHugh, lasciando un’efficacia complessiva di 4,51 a causa del disagio di un dito rotto che ha alterato la sua meccanica di lancio. Il 20 novembre 2013, è stato aggiunto al roster 40-man dei Mets per evitare di essere selezionato nel draft della Rule 5.

New York MetsEdit

DeGrom con i Mets nel 2015.

Il 12 maggio 2014, è stato promosso nelle majors dopo aver ottenuto un record di 4-0 e 2,58 ERA con i 51s per sostituire l’infortunato Gonzalez Germen. Ha fatto il suo debutto il 15 maggio contro i New York Yankees, consentendo una corsa e colpendo fuori sei battitori su sette inning senza una decisione, anche collegando il suo primo colpo. È stato nominato Rookie of the Month in luglio dopo aver registrato un record di 4-1 con un 1.39 ERA per il mese. L’11 agosto è stato messo in lista infortunati a causa di una tendinite, tornando in squadra il 23 agosto. Il 15 settembre contro i Miami Marlins, ha legato un record della Major League eliminando i primi otto battitori che ha affrontato di fila. Ha finito la stagione con un record di 9-6, 2,69 ERA e 144 strikeout, guadagnandosi il premio di National League Rookie of the Year con 26 voti su 30 totali, battendo Billy Hamilton e Kolten Wong.

Nel 2015, deGrom ha registrato un record di 8-6 e 2,30 ERA entro la fine di giugno, guadagnandosi una selezione All-Star Game. Ha finito la stagione con un record di 14-8 e 2,54 ERA, guadagnando cinque voti per posizionarsi al settimo posto per il Cy Young Award, alla fine assegnato a Jake Arrieta. Durante Gara 1 delle Divisional Series, ha eguagliato il record dei Mets con 13 strikeout in una partita di postseason, e nella decisiva Gara 5 ha ottenuto la vittoria concedendo solo due corse in sei inning. In gara 3 delle Championship Series contro i Chicago Cubs, ha lanciato sette inning, consentendo solo due corse e quattro colpi per dare i Mets un vantaggio di serie 3-0. In gara 2 delle World Series del 2015, deGrom ha permesso quattro corse e sei colpi oltre a dare tre passeggiate a spalla la perdita ai Kansas City Royals, i vincitori della serie finale.

Nel 2016, dopo aver subito diversi infortuni durante la stagione, ha finalmente subito un intervento chirurgico nel mese di settembre per alleviare il dolore in un nervo. Nonostante questo, ha goduto di una stagione di qualità, con un record di 7-8, 143 strikeout e 3,04 ERA.

Nel 2017, deGrom è stato nominato giocatore della National League della settimana dal 12 al 18 giugno dopo aver registrato un 0,53 ERA, 12 strikeout e sei passeggiate e permettendo solo otto colpi in due partenze. Ha finito la stagione come il partente più costante dei Mets, con un record di 15-10 con una ERA di 3,53 e 239 strikeout in 201 1⁄3 inning lanciati in 31 partenze.

Nel 2018, deGrom è stato invitato al suo secondo All-Star Game, e alla fine della stagione ha ricevuto il National League Cy Young Award dopo aver ottenuto un record di 10-9 e 1,70 ERA, il terzo più basso dal 1968 per un lanciatore con almeno 30 partite iniziate. Le sue 10 vittorie sono le meno numerose per un lanciatore partente per vincere il Cy Young.

Prima dell’inizio della stagione 2019, i Mets hanno assunto Van Wagenen come general manager. DeGrom e i Mets hanno concordato uno stipendio di 17 milioni di dollari per la stagione 2019, il più grande aumento annuale per un giocatore eleggibile all’arbitrato. Con Van Wagenen che ora negozia per i Mets invece di DeGrom, le due parti hanno concordato un’estensione contrattuale di cinque anni e 137,5 milioni di dollari con un’opzione per la stagione 2024 durante lo spring training del 2019. DeGrom ha iniziato per i Mets l’Opening Day contro Max Scherzer, il secondo classificato del Cy Young Award 2018 dietro deGrom e il vincitore del Cy Young Award 2017. Ha stabilito un record personale di strikeout nella sua successiva partenza il 3 aprile con 14. Ha iniziato la prima metà della stagione 2019 con un record di 4-7 e una ERA di 3,27 mentre colpiva 138 battitori, guadagnandosi una convocazione al suo terzo All-Star Game. DeGrom ha avuto una notevole seconda metà, pubblicando un record di 7-1 con un 1,44 ERA e 117 strikeout. Ha vinto il suo secondo Cy Young Award consecutivo in un voto quasi unanime, ricevendo 29 dei 30 voti del primo posto, diventando l’11° lanciatore nella storia a vincere Cy Young Awards back-to-back.

Nella stagione 2020 accorciata di 60 partite, deGrom ha registrato 4-2 con un 2.38, e ha guidato la National League in strikeout per la seconda stagione consecutiva, con 104. Ha anche guidato la NL in strikeout per nove inning lanciati (13.765), è stato terzo in WHIP (.956) e hit per nove inning (6.221), quarto in efficacia, sesto in percentuale di vittoria-perdita (.667) e home run per nove inning (0.927), e ottavo in biglietti per nove inning (2.382). Ha guidato la National League nelle basi rubate concesse, con 13. Il suo stipendio di 25 milioni di dollari era il 10° più alto della National League. È arrivato terzo nella votazione del NL Cy Young Award. Se avesse vinto, avrebbe completato la rara impresa di vincere il premio in tre stagioni consecutive, unendosi alla compagnia di Hall of Famers Greg Maddux e Randy Johnson.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *