LA FLAUTA MÁGICA: ARIA DE LA REINA DE LA (Italiano)

LA FLAUTA MÁGICA: ARIA DE LA REINA DE LA NOCHE.

La Regina della Notte è un personaggio malvagio che, attraverso le sue tre assistenti, salva il principe Tamino dall’attacco di un serpente gigante. In cambio, Tamino si accorderà con la regina in attesa di ottenere la mano di sua figlia in cambio di liberarla dal rapimento in cui Sarastro (La Luce) l’ha sottoposta. Tamino, accompagnato da Papageno, l’uccellatore della regina, partirà per salvare la sua amata, ma una volta arrivato nel regno di Sarastro, si rende conto che la realtà è diversa e decide di rimanere lì accanto alla sua amata e lontano dalla regina. Per rimanere e appartenere al tempio dei saggi, dovrà superare una serie di prove che riuscirà a superare. Alla fine i due amanti saranno uniti per sempre mentre la madre cattiva di lui sarà sconfitta per sempre.

Con solo due arie (“O zitt’ re nicht” e “Der Hölle Rache”), il ruolo della Regina della Notte richiede un soprano con una spettacolare padronanza della coloratura, capace di generare un F52 (considerando il C3 come C centrale) e molte note di tuffo (stacatto), specialmente nella sua aria più famosa Der Hölle Rache kocht in meinem Herzen.3 A causa della forza drammatica che il soprano deve imprimere ad ogni parola di quest’aria, questo ruolo è meglio portato da soprani drammatici di agilità capaci di raggiungere un F6 sopra gli acuti senza perdere forza nella loro tessitura media, come Edda Moser e Cristina Deutekom, tuttavia la scarsità di tali soprani negli ultimi anni ha permesso l’ingresso di soprani leggeri in questo ruolo, che raggiungono le note alte con facilità e brillano nella coloratura, ma mancano di forza espressiva nel loro mezzo.

In questo caso quest’aria è eseguita dal soprano leggero Diana Damrau.

Buona domenica a tutti.

Condividi questo:

Stampa

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *