La tecnica dei punti di appoggio, la chiave del ringiovanimento

Creare punti di appoggio nel cuscinetto di grasso malare solleva gli zigomi, riduce le occhiaie e leviga la piega nasolabiale, combattendo quella “Y rovesciata” ed eliminando l’aspetto invecchiato del viso. La chiave di questo protocollo è di creare dei punti di appoggio nel cuscinetto di grasso malare che riposizionano i tratti e permettono al viso di riacquistare la sua tonicità da solo. Al Lajo Plaza Medical Center sono consapevoli che il processo di cedimento e flaccidità inizia con l’atrofia dell’osso zigomatico. Si trova tra lo zigomo e la piega della palpebra inferiore ed è responsabile dell’aspetto del terzo medio del viso. Questo antiestetico processo di invecchiamento è conosciuto come la Y invertita. La tirannia della Y rovesciata È l’ortografia meno lusinghiera per il viso, e diventa più pronunciata con il passare degli anni. L’atrofia progressiva dell’osso zigomatico fa scendere i tessuti molli. Il risultato è un viso invecchiato, con le linee di amarezza molto marcate, lo zigomo “vuoto” e le occhiaie e le borse sempre più evidenti. Come sottolinea il Dr. Lajo, “comincia a manifestarsi verso i trent’anni e sono le palpebre inferiori e i tessuti circostanti che cominciano a mostrare questo processo per primi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *