L’ABC del legno

Dai tempi antichi, l’uomo ha usato il legno come materiale principale. Tuttavia, a partire dal Barocco, ha preso vita non solo come elemento decorativo, ma funzionale; ecco alcuni consigli su come prendersene cura.

Oggi l’uso del legno non si limita alla creazione di mobili, sedie e tavoli per la casa; grazie alla sua durata, bellezza e sensazione di freschezza, si espande alla decorazione di pavimenti, pareti, soffitti, scale, colonne e terrazze, non solo nelle case, ma negli stabilimenti commerciali (banche, ristoranti e alberghi), dove la decorazione gioca un ruolo importante.


Al culmine di questo materiale nei tempi moderni, è necessaria una guida corretta per la sua cura e manutenzione. Per tali ragioni, non perdere alcuni trucchi, qui sotto:
Ogni pecora (prodotto), con il suo partner (legno)
Il mogano e la quercia prendono i primi posti nella linea dei legni più resistenti e durevoli.
Tuttavia, ogni prodotto dovrebbe portare il tipo di legno che più vi si addice: mobili per la casa, rovere, mogano o cedro; pavimenti e scale, IPE, jatoba sapelli e rovere; soffitti e pareti, mogano e rovere; ed elementi decorativi, mogano, rovere, acero e marupa.


Danni al legno? Posizionare contenitori caldi e/o versare acqua e prodotti chimici (insetticidi, alcool o smacchiatore) sul legno, poiché il danno potrebbe essere irreparabile.
Cosa si dovrebbe fare…. Se i vostri mobili sono all’aperto (balconi, terrazze…), applicate la vernice per proteggerli dal sole e dalla pioggia. Oggi sul mercato ci sono prodotti specializzati per questo scopo.
Attenzione ai nemici!
La luce del sole, la pioggia e i batteri sono i nemici furiosi del legno. I mobili da esterno soffrono regolarmente il sole, che li consuma e offusca il loro colore originale, ecco perché è importante applicare un trattamento protettivo per le macchie, i cui pigmenti agiscono come una protezione solare. Per quanto riguarda i batteri (muffe e funghi) e gli insetti, che appaiono sulla superficie del legno e lo distruggono anche senza rendersene conto, la soluzione è applicare un trattamento fungicida preventivo per prevenire la loro comparsa e crescita.

Quando si tratta di macchie, il legno è una vittima che non ha scampo; per liberarsene, ci sono anche dei trucchi infallibili. Quando sono causati dalla colla del nastro adesivo, possono essere rimossi con olio per bambini; da un oggetto caldo, con lucido e vernice; e da una perdita d’acqua, con lo stesso materiale con cui è stato dipinto. Ma se la questione dovesse diventare più complicata, vi suggeriamo di allearvi con un esperto che vi consiglierà cosa fare e vi consiglierà al meglio in questo senso (l’autore è uno specialista del legno e proprietario del laboratorio di ebanisteria MAVEDI).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *