Lady Godiva, il simbolo di Coventry

lady Godiva

Lady Godiva è stata a lungo un simbolo di Coventry. Ed è esistita, perché era una nobile donna anglosassone vissuta nei primi anni 1000 che un bel giorno, per protestare contro le tasse sempre più alte che il marito imponeva alla città, andò nuda a cavallo per le strade della città.

Lady Godiva era la moglie di Leofric, conte di Mercia, e la coppia era una grande devota religiosa che fondò e aiutò i monasteri con denaro e gioielli. La vita reale di questa donna ha dovuto essere ricostruita attraverso documenti storici, ma sembra che sia andata più o meno così. Tuttavia, la leggenda gli ha dato più lustro.

Secondo la leggenda Lady Godiva era molto dispiaciuta per il popolo sottoposto a sempre più tasse e così chiese aiuto a suo marito ma lui rifiutò di ridurle perché voleva fare di Coventry un grande luogo. Ma un giorno, stanco delle sue suppliche e per togliersela di torno, disse che li avrebbe abbassati se lei avesse cavalcato nuda su un cavallo per le strade della città. Detto e fatto, ordinò a tutti di rimanere in casa quel giorno e andò in giro su un cavallo. Solo il guardone Tom non poteva resistere e così il marito di Godiva mantenne la sua parola.

La versione più antica della storia è del 1236 e non include il guardone che invece appare nella versione del XVII secolo. La verità è che la storia di Lady Godiva ha girato per Coventry per secoli ed è stata oggetto di molte speculazioni poiché è molto probabile che la signora non fosse nuda nel senso moderno della parola ma senza ornamenti e gioielli.

Comunque, dal 1678 fino agli anni ’60 del ventesimo secolo ci fu la processione di Godiva a Coventry e sebbene sia scomparsa per un po’ è rinata in occasione del Godiva Festival che si svolge a luglio. Alcuni college e corpi militari l’hanno adottata come mascotte o santa patrona, ci sono canzoni dedicate a lei e insomma, che nonostante siano passati quasi 1000 anni Lady Godiva è ancora tra noi e se andate a Coventry vedrete la sua statua in Broadgate.

Print Friendly, PDF Email

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *