L’uomo che ha ucciso il marito dell’insegnante è libero

Il caso ha attirato l’attenzione mondiale dal 1990, quando William Flynn, allora 16enne, uccise il marito della sua amante (e insegnante), Pamela Smart.
Flynn è stato rilasciato sulla parola giovedì, quasi 25 anni dopo il crimine in un caso che ha scatenato uno scandalo con luridi dettagli di sesso e manipolazione.
William Flynn, ‘Billy,’ insieme ad altri tre amici adolescenti ha eseguito quello che i procuratori hanno chiamato il piano di Smart per uccidere Gregory Smart. Flynn si è dichiarato colpevole di omicidio di secondo grado ed è stato condannato a un minimo di 28 anni di prigione, ad eccezione del tempo trascorso in prigione prima del processo. Era in una prigione nel Maine e ha partecipato all’udienza per telefono.
Flynn ha detto che le sue azioni lo perseguiteranno per sempre e che si sentirà permanentemente male per il crimine e che “la liberazione non cambierà questo”.”
Pamela Smart, che aveva 22 anni quando suo marito è stato ucciso, è stata condannata come complice di omicidio di primo grado e condannata all’ergastolo senza possibilità di libertà vigilata. Ha ammesso di aver sedotto il giovane, ma ha detto di non aver pianificato la morte del marito.
Secondo la testimonianza durante il processo, Smart era uno degli istruttori di Flynn in un programma alla Winnicunnet High School di Hampton quando ha sedotto il ragazzo allora quindicenne. Lei gli disse che aveva bisogno della morte del marito per paura di perdere tutto se avessero divorziato.
Flynn testimoniò al processo di Smart nel 1991 che lei minacciò di rompere con lui se non avesse ucciso il marito.
Il 1° maggio 1990, lui e il diciassettenne Patrick Randall entrarono nell’edificio dell’appartamento di Smart a Derry e costrinsero Gregory Smart in ginocchio. Mentre Randall teneva un coltello alla gola di Smart, Flynn gli sparò in testa. Randall è stato condannato a un minimo di 28 anni di prigione e avrà diritto alla libertà vigilata ad aprile. Altri due adolescenti hanno scontato la pena e sono stati rilasciati.
Pamela Smart ha sempre negato di sapere del piano per uccidere suo marito. Ma un testimone chiave, un adolescente di cui la donna si fidava, ha registrato segretamente le sue parole dopo l’omicidio in cui la donna dice: “Se dici la dannata verità, mi manderai in prigione per il resto della mia dannata vita.”
Flynn non sarà rilasciata prima del 4 giugno, la data in cui ha diritto alla libertà condizionata, e solo dopo che la commissione avrà approvato il piano finale.
Questo caso di alto profilo è stato portato sullo schermo nel 1995 con il film ‘To die for’ (Tutto per un sogno), in cui Nicole Kidman interpreta una donna bella e ambiziosa che sogna di essere una star televisiva e finisce coinvolta nell’omicidio del marito.
Nel film Nicole Kidman interpreta Suzanne Stone, che si innamora di un adolescente William Flynn interpretato da Joaquin Phoenix.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *