Maria è andata a Betlemme cavalcando un asino?

Categorie:Storie di fede

Philip Kosloski – posted 12/23/20

HOLY,FAMILY,BETLEMME

I vangeli non specificano se Maria e Giuseppe viaggiarono a piedi o con un asino

Un’immagine molto comune di Maria e Giuseppe in viaggio verso Betlemme mostra una Maria incinta a cavallo di un asino, mentre Giuseppe fa il viaggio a piedi.

Si tratta di una rappresentazione autentica di ciò che è realmente accaduto? Maria ha viaggiato a cavallo di un asino

Ti potrebbe interessare: La storia dimenticata della levatrice di Maria

Il vangelo omette questi dettagli, poiché tutti, all’epoca in cui fu composto, sapevano come viaggiava la gente.

“E ognuno si sarebbe registrato nella sua città natale. Giuseppe, che apparteneva alla famiglia di Davide, lasciò Nazareth, una città della Galilea, e andò a Betlemme di Giudea, la città di Davide, per registrarsi con Maria, sua moglie, che era incinta. Mentre erano a Betlemme, venne il momento in cui divenne madre; e Maria diede alla luce il suo figlio primogenito” (Luca 2:3-7)

Non si parla di un asino, di un cammello o di qualsiasi altro mezzo di trasporto.

Dove ha avuto origine la tradizione dell’asino

Una delle ragioni principali per cui un asino è associato alla storia di Natale è il Protoevangelium di Giacomo, un antico racconto non biblico della vita di Maria che risale al II secolo.

“E venne un editto dell’imperatore Augusto che ordinava di arruolare tutti gli abitanti di Betlemme di Giudea. E Giuseppe disse: “Vado a registrare i miei figli”. Ma cosa farò con questa ragazza, come la registrerò come mia moglie? Io me ne vergognerei, come mia figlia? Ma tutti i figli d’Israele sanno che non è così. Il giorno del Signore sarà come il Signore vuole. Poi sellò il suo asino e vi pose sopra Maria, e suo figlio condusse la bestia per la cavezza, e Giuseppe li seguì.”

Questa storia della nascita di Gesù mostra San Giuseppe come un uomo vecchio che ha figli da un precedente matrimonio. La scena ha Maria seduta su un asino, guidata dal figlio di Giuseppe.

È possibile che San Giuseppe abbia condotto Maria a Betlemme su un asino. Questa era una forma comune di viaggio all’epoca e gli asini erano popolari con tutte le classi di persone.

Ti potrebbe interessare: Da Nazareth a Betlemme: il viaggio estenuante di Maria e Giuseppe

Possibilmente una carovana

Tuttavia, la maggior parte dei moderni studiosi biblici dicono che è più probabile che la Sacra Famiglia viaggiasse in una carovana di persone.

Chris Mueller in un articolo per Ascension Press dipinge un quadro molto diverso:

Maria e Giuseppe non furono gli unici a compiere il viaggio. Molto probabilmente le rotte tra le città erano affollate di viaggiatori. Nessuno prenderebbe in considerazione di fare un viaggio del genere da solo. Non sarebbe stato sicuro, perché il territorio tra le città era incustodito e i banditi sarebbero stati una vera preoccupazione. La gente probabilmente viaggiava in grandi carovane per comodità e sicurezza. Maria e Giuseppe sarebbero stati tra la vasta migrazione di persone. Deve essere stato uno spettacolo incredibile da vedere.

Questa osservazione viene fatta anche in un articolo pubblicato sul Los Angeles Times.

E “banditi, pirati del deserto e ladri” erano anche pericoli comuni lungo le principali rotte commerciali come quella che Giuseppe e Maria avrebbero percorso, ha detto il Rev. Peter Vasko, un prete cattolico e direttore della Holy Land Foundation … La minaccia dei fuorilegge spesso costringeva i viaggiatori solitari a unirsi alle carovane commerciali per protezione.

Forse non sapremo mai il modo esatto di trasporto usato da Giuseppe e Maria, ma sappiamo che le possibilità sono molte. Avrebbero potuto usare un asino, andarci a piedi, o viaggiare con altri in una carovana.

Qualunque cosa fosse, il viaggio era arduo, e il loro viaggio ci incoraggia a seguire il nostro percorso spirituale verso la festa del Natale.

Potrebbe interessarti: Il vero motivo per cui “non c’è posto nella locanda”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *