Mastiha di Chios, la gomma secolare della Grecia

Cestino di mastiha

Cestino con cui si raccoglie la mastiha al Museo di Mastiha di Chios.

Il nome dell’isola greca di Chios in turco è “Sakız adası”, che significa “l’isola della gomma da masticare” o “l’isola della gomma da masticare”. La mastiha di Chios è una resina che è stata usata come gomma da masticare per secoli ed è il prodotto più tipico dell’isola.

Prima di arrivare non avevo molta idea di cosa fosse questo “mastice”. Sapevo che era il prodotto principale di Chios, ma non avevo mai assaggiato nulla di simile e non mi è venuto in mente che sapore potesse avere o per cosa lo usassero. La mia esperienza con le gomme da masticare era limitata a quelle che vendono in tutto il mondo, quelle con sapori che non ho idea di come le facciano. Provare la mastiha era una novità. Ero curioso di sapere che sapore ha una gomma da masticare “naturale”.

Mastice di mastice

Esempio di pietre mastiha.

Mastiha è prodotta in tre diverse dimensioni. O meglio, si divide in tre misure: piccola, media e grande. La resina dell’albero di mastiha, una volta essiccata, forma pietre bianche con una sfumatura gialla che sono disponibili in diverse forme e dimensioni. I locali dicono che sono le “lacrime” di Chios, perché è una resina che cade lentamente e forma cristalli a forma di gocce. Quando si asciugano e cadono a terra è quando vengono raccolti. Questi ciottoli vengono poi puliti e ordinati perché ogni dimensione ha un uso diverso.

L'albero del mastice

L’albero da cui viene estratta la resina impiega decine di anni per raggiungere il suo picco di produzione.

Nei negozi di Chios dove vendono prodotti di mastiha si può vedere il numero di cose che fanno con essa, come tutti i prodotti locali e tradizionali ai quali si cominciano ad attribuire proprietà quasi magiche. Tra la varietà di cose che si possono trovare ci sono acque, saponi, oli, creme, liquori e, naturalmente, gomme da masticare fatte con questa resina. Si può anche ottenere la mastiha originale per farli fatti in casa o semplicemente masticarli.

Quello che si fa è macinare la mastiha per fare una polvere che viene poi aggiunta alla preparazione di ciò che si vuole fare, come acqua, liquore o caffè. Per usarla come gomma da masticare il metodo è più semplice: si prendono tre o quattro grosse pietre e si masticano direttamente.

Coltivazione della mastiha

La mastiha viene prodotta solo nelle aride montagne del sud dell’isola di Chios.

Il sapore della mastiha, come ci si aspetta, è quello della resina degli alberi. Non ho mai succhiato la resina degli alberi (la trovo già abbastanza disgustosa), ma è molto simile all’odore generale della resina degli alberi che ho sentito.

Ma la magia viene anche dalla consistenza. Quando si mette la mastiha in bocca e si danno i primi morsi, la sensazione è che i sassolini diventino polverosi. Continuando a masticare, le pietre e la polvere si bagnano con la saliva, che mescola la strana miscela. Dopo le prime masturbazioni iniziali, comincia ad assumere una consistenza simile a quella di una gomma da masticare.

La differenza con una gomma da masticare tradizionale è che la mastiha non smette mai di essere una pietra. Forse una pietra morbida. Ma ha una consistenza molto più dura, come una gomma normale masticata per ore e più secca. Sembra disgustoso, lo so, ma non mi sembrava così tanto.

lastice di caffè

Mastiha viene aggiunto a vari prodotti per dare loro il loro sapore caratteristico, come il caffè.

È semplicemente una pietra bianca che cambia forma ad ogni masticazione. Questa è la sua magia.

La mastiha è così caratteristica di Chios che c’è anche un grande museo dedicato ad essa. È stato recentemente costruito dall’associazione dei produttori di mastiha. Lì si può vedere la storia di questo prodotto che è un patrimonio mondiale dell’Unesco e un prodotto con una denominazione d’origine, il suo metodo di produzione e la storia della sua fabbricazione nella Grecia moderna.

Pacco di mastice

Pacco di mastiha al Museo Mastiha.

Il processo di produzione del mastiha è abbastanza lungo. Si raccoglie ogni anno in estate, ma gli alberi non producono molta resina e producono il beato prodotto solo nella parte meridionale dell’isola di Chios. Questo rende il prezzo della mastiha abbastanza alto per una semplice gomma da masticare (5€ per un pacchetto piccolo), ma vale la pena provare. A me, almeno, è piaciuto.

Condividi:

Stampa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *