MC4R, una proteina che potrebbe ridurre l’obesità


Ricercatori hanno scoperto un elemento chiave nel metabolismo umano che potrebbe aprire la porta a migliori trattamenti per l’obesità e altri disturbi metabolici.

MadridUpdated:04/24/2020 14:08h

La ricerca, pubblicata sulla rivista “Science”, si è concentrata su una proteina nel cervello chiamata recettore della melanocortina 4, o MC4R. Questo recettore gioca un ruolo cruciale nella regolazione dell’equilibrio energetico del corpo, controllando la quantità di energia immagazzinata come grasso.

Mutazioni nel gene che codifica la proteina MC4R sono la causa genetica più comune di obesità precoce, che colpisce circa 1 persona su 1500.

Raymond Stevens, direttore del Bridge Institute presso il Michelson Center for Convergent Bioscience della University of Southern California e direttore fondatore dell’iHuman Institute presso la ShanghaiTech University, era interessato a MC4R come parte di uno sforzo più ampio per chiarire le strutture di una classe di proteine chiamate recettori accoppiati alle proteine G, di cui MC4R è un membro.

Quando Stevens e il suo team hanno iniziato ad affrontare la struttura di MC4R, si sono rivolti a Roger Cone e ai suoi colleghi dell’University of Michigan Life Sciences Institute.

Gli scienziati del laboratorio di Cone hanno scoperto MC4R e hanno studiato la sua biologia e farmacologia per più di 25 anni. In quel periodo, almeno quattro farmaci sono stati sviluppati per colpire i recettori della melanocortina negli esseri umani.

Hanno determinato la struttura di MC4R e scoperto alcune caratteristiche inaspettate della proteina che gettano nuova luce su come si lega e interagisce con altre molecole

Uno di questi farmaci, il setmelanotide, mira a MC4R per trattare forme rare di obesità sindromica. Ma non è abbastanza potente per trattare forme più comuni di obesità, come l’obesità alimentare, spiega Cone, che era un autore senior dello studio.

Lavorando presso le tre istituzioni, i ricercatori Yu Jing e Luis Gimenez hanno guidato il team per determinare la struttura di MC4R, e hanno scoperto alcune caratteristiche inaspettate della proteina che gettano nuova luce su come si lega e interagisce con altre molecole.

Per esempio, hanno trovato il legame degli ioni calcio sia a MC4R che alla molecola primaria a cui il recettore si lega. Questo caso di legame degli ioni calcio è stata la prima volta che Stevens e il suo gruppo hanno determinato le strutture di molti membri di questa grande classe di proteine.

“All’inizio sembrava più una curiosità scientifica. Ma poi ulteriori esperimenti hanno rivelato che il calcio è effettivamente necessario per la funzione del recettore”, spiega Stevens, anche autore dello studio. Abbiamo scoperto che c’è una chiave grande e una chiave piccola, e che ne abbiamo bisogno per sbloccare il recettore.”

Quirónsalud Specialist Practice
Copriamo tutte le specialità mediche per offrire una cura completa al paziente. Abbiamo un prestigioso team di professionisti, la tecnologia più avanzata, una preziosa vocazione alla ricerca e all’insegnamento e un modello di gestione basato sull’impegno per la qualità.

Medical Directory Finder

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *