Melissa Dell (Harvard University) Interview Review

X

Privacy e Cookies

Questo sito utilizza i cookies. Continuando, accettate il loro utilizzo. Per saperne di più; per esempio, su come controllare i cookie.

Capito

Pubblicità

Di Alexander Quispe

Per gli economisti, il desiderio di spiegare perché alcuni paesi hanno raggiunto la crescita economica più velocemente di altri è stato spesso uno degli obiettivi delle recenti pubblicazioni. In questo senso, economisti come Acemoglu e Robison hanno scelto di prendere come base il consolidamento delle istituzioni dei paesi per spiegare perché alcuni di essi hanno fallito nella loro ricerca della crescita economica.

In questa intervista, Melissa Dell cerca di spiegare, prima di tutto, un’approssimazione di cosa sono le istituzioni. Le considera come le regole del gioco all’interno di una società, che possono essere formali (leggi) o informali (convenzioni sociali). Inoltre, sottolinea che molte delle istituzioni storiche, specialmente nei paesi con un’eredità coloniale, possono influenzare negativamente la loro performance economica nel lungo periodo. Tuttavia, egli sottolinea che il processo di cambiamento istituzionale non avviene in modo lineare, ma richiede piuttosto un cambiamento culturale, per esempio, nei settori della sanità, dell’istruzione e delle infrastrutture. Infine, afferma che anche se nella maggior parte delle sue ricerche ha scelto di prendere il consumo come misura del benessere, preferendo lasciare da parte variabili come il reddito medio, questo perché nei paesi del terzo mondo, ottenere informazioni su, per esempio, il reddito dei contadini è molto complicato, quindi la variabile consumo sarebbe un proxy migliore per la misura del benessere.

In conclusione, questa intervista cerca di mostrare come le istituzioni del passato possono influenzare a lungo termine la crescita e lo sviluppo economico dei paesi, oltre a dare una proposta di quelli che potrebbero essere i canali per dare una direzione migliore allo sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *