Metodi per stabilire un sistema di sorveglianza per le malattie cardiovascolari nella popolazione industriale in India


K Srinath Reddy, Dorairaj Prabhakaran, Vivek Chaturvedi, Panniyammakal Jeemon, KR Thankappan, Lakshmy Ramakrishnan, BV Murali Mohan, Chadrakant S Pandav, Farukh U Ahmed, Prashanth P Joshi, R Meera, Rajni B Amin, Ramesh C Ahuja, Mohan S Das, & TM Jaison

OBIETTIVO

Per stabilire una rete di sorveglianza dei fattori di rischio delle malattie cardiovascolari (CVD) in ambienti industriali e stimare il carico dei fattori di rischio utilizzando strumenti standardizzati.

METHODS

Abbiamo condotto un’indagine trasversale di base (come parte di un programma di sorveglianza CVD) delle popolazioni industriali di 10 aziende in India, situate in prossimità delle scuole mediche utilizzate come siti di studio.I soggetti studiati erano dipendenti di queste aziende (selezionati con campionamento casuale stratificato per età e sesso) e i loro familiari, e le informazioni sui determinanti comportamentali, clinici e biochimici sono stati raccolti con metodi standardizzati (questionari, variabili cliniche e analisi biochimiche). La raccolta e l’analisi dei dati sono state eseguite presso il centro di coordinamento nazionale.

RISULTATI

Riportiamo qui la prevalenza dei fattori di rischio CVD tra gli individui di età compresa tra 20-69 anni (n = 19 973 per l’indagine questionario, n = 10 442 per le analisi biochimiche), con un’età media di 40 anni. La prevalenza complessiva della maggior parte dei fattori di rischio era alta: sovrappeso nel 50,9% degli uomini e nel 51,9% delle donne, obesità centrale nel 30,9% degli uomini e nel 32,8% delle donne, e uso di tabacco nel 40,2% degli uomini e nel 14,9% delle donne. La prevalenza auto-riferita del diabete (5,3%) e dell’ipertensione (10,9%) era inferiore a quella determinata clinicamente e biochimicamente (10,1% e 27,7%, rispettivamente). C’era una notevole eterogeneità nella prevalenza dei fattori di rischio tra i siti di studio.

CONCLUSIONE

C’è un alto carico di fattori di rischio CVD tra le popolazioni industriali in India. Il sistema di sorveglianza può servire come modello per replicare l’esperienza in questo paese e in altri paesi in via di sviluppo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *