Michael Phelps viene battuto da un grande squalo bianco e dovete vederlo!

Ieri il pluricampione olimpico Michael Phelps è stato messo alla prova come non mai.

Consigliamo: BIKI: la telecamera subacquea a forma di pesce che è anche un drone.

Come sapete il soprannome di Michael è “lo squalo di Baltimora” ed è sempre paragonato per la sua grande velocità con uno squalo. Ha raggiunto un totale di 28 medaglie durante la sua carriera e, tanto era la speculazione su chi era più veloce, che per la settimana degli squali, il Discovery Channel lo ha invitato a partecipare a 2 programmi.

Scuola di squalo
Il giorno ieri è stato trasmesso questo programma alle 22 ore. Phelps ha viaggiato alle Bahamas per imparare a nuotare tra gli squali. Lo scopo di questo era che lui potesse imparare come comportarsi nel caso in cui incontrasse uno o più squali senza farsi male, e ha dato agli esperti la possibilità di analizzare il comportamento dei vari squali. Un grande squalo bianco può raggiungere le 25 miglia all’ora (da 19 a 22 km all’ora), mentre uno squalo martello può raggiungere le 12-14 miglia all’ora (da 16 a 22 km all’ora).

.

Cosa ne pensi? Lo squalo di Baltimora Michael Phelps ha perso una gara di 100 metri contro un grande squalo bianco per soli due secondi. #PhelpsvsShark #SharkWeek 📹: Discovery Canada

A post shared by Mariale Requena (@requenacnn) on Jul 24, 2017 at 7 am(s):22 PDT

Dopo questo Michael ha avuto una gara di 100 metri contro uno squalo bianco per confermare o confutare la teoria della velocità e, il risultato è stato impressionante: lo squalo ha fatto un tempo di 36.1 mentre Michael aveva un tempo di 38.1. La differenza era solo 2 secondi.

Informazione importante per la vostra serata: Michael Phelps non è più veloce di uno squalo bianco. pic.twitter.com/uziN8GMlEE

– Antony Curti (@CurtiAntony) 24 luglio 2017

Anche se farà il corso e sapeva come comportarsi circondato da fino a 15 squali, per motivi di sicurezza è stato usato un manichino che imitava tutte le qualità di uno vero: un vero squalo bianco non andrebbe in linea retta in una competizione.

Squalo Vs. Phelps
Il secondo programma sarà rilasciato la prossima domenica 30 luglio e questa volta sarà una competizione contro diversi squali ma non ha effettivamente arrivare a farlo (per ovvi motivi di sicurezza). Tuttavia, quando la registrazione di questo secondo programma il nuotatore è andato a città del capo per ottenere in acqua aperta, con temperature di 12 ° e 26 ° è abituato a, imparare il comportamento del mare.

Risponde? La prossima volta… acqua più calda. #SW30 @Discovery @SharkWeek

– Michael Phelps (@MichaelPhelps) 24 luglio 2017

Michael confessa che nuotare con gli squali è qualcosa che ha sempre voluto fare, imparare da loro e vedere quanto velocemente nuotano.

Durante le riprese per Shark Week 2017 ho avuto alcune esperienze incredibili con un grande gruppo di persone. Nei prossimi giorni vorrei condividere alcune immagini e post che spero vi aiutino ad educare ulteriormente su alcune delle minacce che gli squali affrontano, ispirandovi a preoccuparvi abbastanza da contribuire a salvarli. Vorrei ringraziare in anticipo @tristanguttridge e @sharksneedlove per il loro supporto e i loro consigli nella compilazione dei post che seguono. Foto: @sharksneedlove #sharkweek #shark #shark #saltlife #hammerhead #nurseshark #sealife

Una publicación compartida de Michael Phelps (@m_phelps00) el 24 de Jul de 2017 a la(s) 9:51 PDT

¿Te atreverías a nadar con tiburones? Esto es lo que debes conocer antes de viajar a Estados Unidos.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *