Microfossile


Mergefrom.svg
E’ stato suggerito che Nannofossil sia fuso in questo articolo o sezione (vedi discussione).
Una volta fatto il merge dell’articolo, richiedi il merge della storia qui.
Questo avviso è stato pubblicato il 19 luglio 2016.

Un microfossile è un fossile che può essere studiato solo con una lente di ingrandimento o utilizzando un microscopio ottico o elettronico a scansione, le cui dimensioni vanno da pochi millimetri (mm) a poche decine di micron (µm). I microfossili possono corrispondere a organismi interi, o microbiota, o a frammenti di parti dure di organismi più grandi, o macrobiota (per esempio, denti, otoliti, spine). I microfossili di animali o di loro parti sono conosciuti come microfauna (per esempio, ostracodi, molari di micromammiferi) sebbene questo termine sia usato anche per alcuni microfossili di protisti (per esempio, foraminiferi). I microfossili vegetali, di solito provenienti dalla fossilizzazione del fitoplancton, sono chiamati microflora. La scienza che si occupa dello studio dei microfossili si chiama micropaleontologia.

Microfossili dal fondo del mare con coccolitofori e dinoflagellati.

Le tecniche per studiare i microfossili sono diverse, a seconda del gruppo in questione e del sedimento o roccia madre (es, calcare) in cui si trovano, ma i più comuni sono lo studio microscopico in pellicola sottile con cui si ottengono sezioni bidimensionali di organismi fossili, o lo studio di microfossili lavati e levigati quando si tratta di organismi conservati in sedimenti molli (es,

Alcuni gruppi di microfossili (per esempio, foraminiferi, ostracodi, micromammiferi) sono di grande importanza come fossili indice e marcatori nella biostratigrafia, sia delle serie sedimentarie marine che continentali di tempi diversi.

C’è una dimensione di fossili più piccoli dei microfossili, chiamati nanofossili, che sono di solito studiati con la tecnica dello striscio o la microscopia elettronica. Il limite dimensionale tra i due è di solito fissato a circa 50 µm, anche se negli studi ad alta risoluzione di alcuni gruppi come i foraminiferi, la frazione >38 µm del levigato è studiata con tecniche “micro” e non “nano”.

    • Dinoflagellate

      .

    • Cocolito

    • .

    • Foraminifera

    • .

    • Diatomea

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *