Microiniezione di sperma (ICSI)


Microiniezione di sperma (ICSI)

La microiniezione di sperma (ICSI) è indicata nei casi di infertilità maschile e rende possibile la fecondazione dell’ovulo con un solo spermatozoo.

Dalla sua comparsa, questa tecnica ha risolto innumerevoli casi di infertilità maschile grave. È un’opzione terapeutica che offre i migliori risultati a questo profilo di pazienti. Tuttavia, questa tecnica è anche scelta da coppie che ricorrono alla fecondazione in vitro e, pur non avendo un grave problema maschile, vogliono assicurarsi che la fecondazione sia eseguita correttamente.

L’iniezione intracitoplasmatica di sperma, (ICSI), segue lo stesso protocollo di una fecondazione in vitro convenzionale. La differenza sta nel modo in cui avviene la fecondazione una volta che gli ovuli e gli spermatozoi sono stati ottenuti in laboratorio.

Fasi da seguire in una ICSI

  1. Stimolazione ovarica. Si esegue per mezzo di una medicazione personalizzata, a seconda delle caratteristiche di ogni paziente, e seguendo rigorosi controlli ecografici transvaginali. Il trattamento consiste in due parti differenziate dal tipo di farmaci. Una prima in cui si somministrano ormoni esogeni del ciclo mestruale (FSH e LH) per provocare lo sviluppo follicolare; e una seconda in cui si inietta alla paziente l’ormone hCG circa 36 ore prima della puntura follicolare per indurre l’ovulazione. Questa è una procedura molto semplice, indolore e veloce per estrarre il liquido follicolare dove si trovano gli ovuli maturi. I nostri ginecologi programmano la puntura follicolare in sala operatoria quando le ovaie hanno follicoli ovarici di buone dimensioni. Questa procedura non richiede il ricovero in ospedale e viene eseguita sotto sedazione. Ottenere gli ovuli richiede tra i 15 e i 30 minuti, a seconda del numero di follicoli, controllando la raccolta tramite ecografia vaginale.
  2. Decumulazione. In laboratorio i nostri embriologi analizzano il liquido follicolare alla ricerca di uova. Dopo un periodo di riposo si decumulano, cioè si puliscono dalle cellule che possono avere intorno. È un passo essenziale prima di eseguire l’ICSI.
  3. Raccolta e preparazione del seme. Nello stesso momento in cui si preparano gli ovociti, si raccoglie il campione di sperma della coppia o del donatore per la loro formazione, selezionando gli spermatozoi con il più alto potenziale di fecondazione. Il nostro laboratorio di andrologia prepara il campione di sperma, eliminando gli spermatozoi non vitali, deboli o lenti. Con entrambi i gameti selezionati, uova e sperma, i nostri embriologi procedono ad aspirare lo sperma con l’ago da microiniezione per introdurlo all’interno dell’uovo in attesa che avvenga la fecondazione.
  4. Cultura in incubatrice time lapse. Successivamente, gli ovociti sono tenuti in coltura all’interno dei nostri incubatori time lapse a una temperatura di 37ºC e una concentrazione di gas e umidità simile al corpo umano. Dopo 18 ore sappiamo quanti mostrano i primi segni di fecondazione. I nostri embriologi controllano lo sviluppo cellulare degli embrioni per un massimo di 5 giorni e selezionano quelli con la massima qualità e potenziale evolutivo affinché, dopo il loro trasferimento nell’utero della madre, si ottenga la gravidanza. Dal 4° giorno in poi, gli embrioni sono allo stadio di blastocisti e hanno già compattato le loro cellule, e si può persino vedere il movimento. Il 5° giorno è il giorno del trasferimento, il momento più desiderato.
  5. Vitrificazione. Gli embrioni non trasferiti vengono congelati in azoto liquido e conservati nella banca degli embrioni. Se non c’è gravidanza possono essere utilizzati per i cicli successivi, il che semplifica e riduce i costi.

Efficacia

Il successo di questa tecnica dipende in gran parte dall’età della donna. Il tasso di gravidanza per ciclo è tra il 40% e il 65%, anche se in pazienti di età inferiore ai 32 anni può raggiungere il 70% in tre cicli. Ogni caso viene esaminato individualmente dagli specialisti dell’Unità di Riproduzione HLA Vistahermosa alla ricerca del più alto tasso di successo della gravidanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *