Microsoft ora permette i rimborsi dei giochi digitali come Steam

Update: I primi sviluppatori stanno facendo sentire la loro voce riguardo a questa decisione “silenziosa” di Microsoft per quanto riguarda il negozio Xbox e Windows 10. Con l’aiuto di XboxMad, abbiamo identificato uno di loro, che sembra essere abbastanza arrabbiato. Anche se guardando questo tweet forse infastidito è un po’ un eufemismo:

I creatori di Dear Esther che hanno rilasciato la cosiddetta Landmark Edition su Xbox One si stanno lamentando, e giustamente. Il loro gioco non dura molto più di 2 ore, molto intenso e piacevole, ma che la gente potrebbe anche approfittare e restituire il gioco una volta che l’hanno finito con le condizioni stabilite per il rimborso.

Notizia originale: A sostegno di dare ai giocatori la libertà di scelta, Microsoft ha appena fatto un grande passo avanti in termini di acquisti digitali, come fece Steam ai suoi tempi dando agli utenti la possibilità di restituire istantaneamente qualsiasi acquisto digitale, sia esso un gioco o una app Xbox o Windows 10. I rimborsi su Xbox One e Windows 10 forniscono un modo semplice e veloce per restituire un prodotto digitale.

Per richiedere un rimborso:

  1. Vai su account.microsoft.com e accedi.
  2. Nella barra del menu in alto, seleziona Payment & Billing> Cronologia acquisti.
  3. Vai su un gioco o un’app acquistata e seleziona Richiedi un rimborso.
    Si prega di notare le seguenti condizioni per richiedere un rimborso:
    I giochi e le app sono validi per il rimborso per 14 giorni dall’acquisto e se hai meno di 2 ore di gioco su tutti gli account.
    DLC, season pass e add-on non sono validi per i rimborsi self-service.
    Il gioco o l’app devono essere scaricati e lanciati prima di richiedere un rimborso self-service.
    Devi aspettare almeno 1 giorno dopo il lancio del gioco o dell’app prima di richiedere un rimborso.
    Alcune app di Windows 10 potrebbero non essere valide per i rimborsi.
    Microsoft si riserva il diritto di bloccare l’accesso agli utenti che abusano dei rimborsi.

Senza dubbio una grande notizia per gli utenti di Xbox One, seguendo lo stesso modello di Steam, Microsoft si sta incoronando con gli utenti della console poiché tra le altre cose, essere in grado di effettuare rimborsi per i giochi che non finiscono per offrire ciò che hanno promesso o semplicemente non siamo d’accordo con l’ottimizzazione che hanno fatto per la nostra console, saranno motivi sufficienti per gli sviluppatori di prendere in considerazione il risultato del loro prodotto sulla console di Microsoft e Windows 10.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *