OriginalBone distraction: treatment of obstructive apnea in neonates with micrognathiaMandibular distraction: treatment of obstructive apnea in neonates with micrognathia

Craniofacial malformations (Pierre Robin sequence, Threacher-Collins syndrome, Nager syndrome, etc.) are often associated with severe mandibular hypoplasia, which can cause upper airway obstruction due to retroposition of the base of the tongue into the posterior pharyngeal space.

The majority of craniofacial malformations (Pierre Robin sequence, Threacher Collins syndrome, Nager syndrome, etc.) are associated with severe mandibular hypoplasia.) sono spesso associati a una grave ipoplasia mandibolare, che può causare l’ostruzione delle vie aeree superiori per retroposizione della base della lingua nello spazio faringeo posteriore.

La maggior parte dei pazienti risponde al trattamento posturale, prona, monitoraggio della saturazione dell’ossigeno, inserimento di un tubo nasofaringeo e persino intratracheale può essere necessario. Nei casi più gravi con pause prolungate e frequenti di apnea, può essere necessaria la tracheostomia, ma è associata ad un’alta morbilità e, occasionalmente, alla mortalità.

Negli ultimi 2 anni, nell’Unità Multidisciplinare Labbro e Palatoschisi dell’Ospedale Virgen de las Nieves di Granada, 4 bambini con grave apnea ostruttiva secondaria a una grave ipoplasia mandibolare sono stati trattati con distrazione mandibolare osteogenica, e questa procedura ha dimostrato di essere efficace nel risolvere il problema. La tracheostomia è stata evitata e la mandibola si è allungata in 3-4 settimane. In questo tempo i problemi di respirazione ostruttiva sono scomparsi, così come i problemi di deglutizione, e i risultati estetici ottenuti sono stati eccellenti e le complicazioni, per il momento, minime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *