Perché le microonde sono il peggior nemico del tuo WiFi

Ci sono decine di usi in questo vasto spazio, lo spettro radio, all’interno dell’intero spettro elettromagnetico. Tuttavia, i più diffusi sono la radio commerciale, la televisione digitale, la telefonia mobile, lo stesso NFC, il Bluetooth, il WiFi, i telecomandi per televisori e altri dispositivi, e i microonde. È interessante notare che tra tanti usi incentrati sulle telecomunicazioni, c’è anche il funzionamento di un elettrodomestico molto comune.

spettro WiFi

Connettività WiFi e microonde nello spettro radio

Ci sono diversi standard WiFi, con diverse caratteristiche e peculiarità, ma tutti – eccetto il più recente -, usano la banda 2.4 GHz, all’interno dello spettro di cui abbiamo parlato sopra. Perché? Perché questa frequenza offre una larghezza di banda elevata, che permette di trasportare grandi quantità di pacchetti con maggiore efficienza. Tuttavia, i forni a microonde, che sono assegnati alla frequenza di 2,45 GHz, sono solo una piccola distanza l’uno dall’altro.

Questa vicinanza nello spettro radio è ciò che causa interferenze con il WiFi. Tuttavia, bisogna anche notare che il Bluetooth funziona anche a 2,4 GHz. In altre parole, sia i forni a microonde che il Bluetooth sono cattivi partner per il WiFi. Nel caso del Bluetooth, invece, abbiamo una gamma di frequenza che arriva fino a 2,48 GHz e un design che permette di fare frequency hopping tra 79 frequenze diverse e intervalli di 1 MHz, il che riduce il problema nella loro coesistenza con le reti WiFi.

Questi problemi tra WiFi e forni a microonde si stanno progressivamente riducendo con l’adattamento delle connessioni Internet senza fili. E, come abbiamo detto, lo standard più recente – commercialmente esteso – e i prossimi previsti per il futuro non funzionano più su 2,4 GHz. Lo fanno, ma non esclusivamente, perché è stata adottata anche la frequenza di 5 GHz, che permette una larghezza di banda ancora più ampia e riduce notevolmente le interferenze con altri dispositivi che emettono onde radio, così come i problemi di saturazione delle reti WiFi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *