Perù inizia la prenotazione e la vendita dei biglietti per visitare Machu Picchu

Lima, 29 dicembre (EFE) – Le autorità culturali del Perù hanno iniziato martedì la prenotazione e la vendita dei biglietti per visitare dal prossimo gennaio la cittadella Inca di Machu Picchu, così come per percorrere il percorso del Sentiero Inca, che dalla sua riapertura lo scorso novembre è di libero accesso.

Il Ministero della Cultura ha aperto il processo, attraverso la Direzione decentrata della cultura di Cusco, per coloro che sono interessati a entrare nel sito archeologico tra 1 e 3 gennaio, mentre per farlo tra il 4 e il 10 gennaio i biglietti possono essere acquistati dal prossimo giorno 2.

Anche iniziato la vendita per viaggiare il percorso 5 del sentiero Inca tra 1 e 5 gennaio, mentre per farlo tra 6 e 10 gennaio, i biglietti saranno offerti dal 2 gennaio.

TARIFFE DI BIGLIETTI

Dopo aver notato che nei prossimi giorni sarà riportato sulla vendita dei biglietti per i seguenti giorni di gennaio, il ministero ha ricordato che la capacità giornaliera consentita in Machu Picchu è attualmente 1.122 visitatori, pari al 50% del totale, per rispettare le misure di sicurezza sanitaria.

Dal 1° gennaio, la tariffa generale per i visitatori nazionali, i residenti stranieri nel paese e i cittadini della Comunità Andina, che il Perù integra con Bolivia, Colombia ed Ecuador, sarà di 64 soles (18 dollari) e per gli studenti di istruzione superiore e minori di 32 soles (9 dollari).

Inoltre, i nati nella regione di Cusco, dove si trova la cittadella, avranno l’ingresso gratuito ogni domenica, purché abbiano un biglietto d’ingresso generato almeno 24 ore prima della loro visita.

Per i visitatori stranieri, la tariffa per gli adulti sarà di 152 soles (42,8 dollari), per gli studenti 77 soles (21,6 dollari) e per i minori 70 soles (19,7 dollari).

Il Ministero della Cultura ha ricordato che per entrare a Machu Picchu è un prerequisito, oltre al biglietto, la presentazione della carta d’identità nazionale, carta di straniero o passaporto e carta di istruzione superiore in vigore nel caso degli studenti.

I bambini sotto i tre anni sono ammessi gratuitamente e tutti i minori devono essere accompagnati da un adulto.

La cittadella di Machu Picchu è stata chiusa dallo scorso marzo, quando è iniziata la pandemia di covid-19, fino al 1 novembre, quando ha iniziato a ricevere i turisti con una capacità limitata e il rispetto di un rigoroso piano di sicurezza sanitaria che include indossare maschere e mantenere la distanza sociale.

Dalla riapertura, i peruviani non hanno pagato per entrare nel sito archeologico, una misura adottata dalle autorità per promuovere il ritorno del turismo interno e contrastare l’impatto economico dell’epidemia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *