Placcatura

La placcatura di altri oggetti non metallici è cresciuta rapidamente con l’introduzione della plastica ABS. Poiché un oggetto non metallico è generalmente un povero conduttore di elettricità, la superficie dell’oggetto deve essere resa conduttiva prima della placcatura. La plastica viene prima incisa chimicamente con un processo adatto, come l’immersione in una miscela calda di acido cromico-solforico. La superficie incisa è sensibilizzata e attivata immergendola prima in una soluzione di cloruro di stagno (II) e poi in un’altra soluzione di cloruro di palladio. La superficie trattata viene poi rivestita con rame o nichel elettrolitico prima di un’ulteriore placcatura. Questo processo ottiene una forza di legame di circa 1 a 6 kgf/cm (o da 10 a 60 N/cm o da 5 a 35 lb/in), utile ma è molto più debole della forza di legame metallo-metallo.

L’imballaggio alimentare è un oggetto quotidiano dove la metallizzazione è spesso impiegata.

Quando si vuole ottenere una finitura lussuosa su contenitori di carta o cartone, si deposita prima su un nastro di poliestere di alluminio in una camera a vuoto. Se si vuole ottenere un colore dorato, si usa un rivestimento arancione accanto all’alluminio. Usando un rullo e un adesivo si trasferisce dal nastro di poliestere all’oggetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *