PNL: Programmazione Neurolinguistica

Quello che chiedo al Natale…

Chiedo al Natale che la tenerezza,

Dal tempo presente sia con te,

Che il tuo passato che è passato non ti offuschi più,

ma che funzioni come guida per te,

Che il pensiero del tuo futuro ti dia gioia,

Perché la tua stella di Natale sia anche la mia,

in modo che insieme possiamo prenderla,

e aumentare la sua luminosità mentre la stringiamo,

Fresco, sereno e senza spine.

Lascia che ci sia una linea serena alla tua sinistra,

Lascia che ti ricordi le cose buone che abbiamo fatto,

Lascia che nella sua oscillazione si depositi sul tuo petto,

Lascia che questo momento non vada perso,

e ti porti con la forza della terra,

a un futuro tutto pieno di profitto.

Perché dalla tua mano destra esca attraverso il tuo corpo,

Al luogo che stiamo scoprendo,

Quello che ci porta ai cento anni,

dove vivremo un tempo perfetto.

Ti auguro di attraversare la vita,

Come in questo Natale pieno di odori,

Godendo del suo nettare e dei suoi sapori,

Ascoltando la tua musica preferita.

E lascia che il bambino Gesù disegni un cerchio,

Tutto pieno di colori lampeggianti,

dove metti il desiderio e la gioia,

Quella pace che dovrebbe sempre accompagnarti.

Che sia pieno della Stella di Betlemme,

Di ciò che sai e vuoi che sia con te,

Di ciò che hai, e per cui vuoi lottare,

Tutto ciò che ti porterà a fare il bene.

E possa tu non fermarti, possa tu saltare,

Dopo un passo essere pieno di doni,

Che i tre re ti coprano con il loro manto,

Con le luci e il colore di un uomo santo.

E che nulla ti fermi, che tu non ti fermi,

che quella luce ti porti al tuo destino,

alla missione che hai messo sul tuo cammino,

e che puoi cambiare quando parti.

Che tu sappia chi sei e che vuoi trovare te stesso,

Che tu possa amare te stesso come ami tanti,

Che i titoli che il tuo petto ti conferisce,

Ti diano la libertà di sbagliare.

Possa tu credere di più in quello che ora hai,

Possa tu apprezzare di più quello che ora ti accompagna,

E possa tu intraprendere questo grido di Campagna:

“Io posso, che ne pensi?”

Voglio che tu sia in grado come lo sei stato ora,

di fare qualsiasi cosa ti porti ai tuoi obiettivi,

E quando riposi così vicino alla grandezza,

Ricorda che qui c’è il tuo grande amico.

Un abbraccio di pace, buon Natale!

Lucindo Mora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *