Q&A: Può essere questa la causa della diarrea costante?

Una donna di mezza età è seduta fuori, con le mani sul mento, con un'aria triste, e sembra depressa o tristeDIRETTA MAYO CLINIC:
Ho 58 anni e da circa 6 mesi soffro periodicamente di diarrea acquosa. Pensavo fosse la sindrome del colon irritabile, ma mi chiedo se potrebbe essere colite microscopica. Pensavo fosse la sindrome dell’intestino irritabile, ma mi sto chiedendo se invece potrebbe essere colite microscopica. Come viene diagnosticata la colite microscopica?

RISPOSTA:
La colite microscopica può causare alcuni sintomi che sono presenti anche in altre condizioni, come la sindrome dell’intestino irritabile. Pertanto, è importante vedere il tuo fornitore di assistenza sanitaria per aiutare a determinare la causa dei tuoi sintomi.

La colite microscopica è una condizione infiammatoria in cui il rivestimento del colon produce una risposta immunitaria anormale che porta a feci acquose. La condizione è divisa in due sottotipi che si distinguono principalmente a livello microscopico: la colite collagenosa e la colite linfocitica.

Il segno più comune della colite microscopica è la diarrea acquosa senza presenza di sangue. La diarrea può comparire gradualmente e periodicamente, o verificarsi più improvvisamente. È possibile avere fino a 9 feci acquose al giorno, anche se nei casi gravi possono essere 15 o più. In alcune persone, il problema è quotidiano e dura per mesi o anni, mentre in altre ci sono cicli di miglioramento e peggioramento. Segni e sintomi possono anche includere crampi addominali, perdita di peso, urgenza di avere un movimento intestinale e perdite di feci.

Perché le cause di diarrea persistente possono anche causare segni e sintomi simili, la diagnosi comporta la conferma o l’esclusione di diverse possibilità. Questo di solito significa che l’operatore sanitario ha bisogno di conoscere la cartella clinica e che un campione di feci o gli esami del sangue devono essere dati. Infine, la conferma della colite microscopica richiede una colonscopia con biopsie di tessuto del colon per un esame microscopico. Questo esclude anche altre condizioni, come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn. Inoltre, si può essere testato per la malattia celiaca e la sensibilità al glutine, perché la malattia celiaca e la colite microscopica possono sovrapporsi.

Alcuni casi di colite microscopica migliorano in poche settimane senza trattamento, anche se le ricadute sono comuni. Per alleviare precocemente i segni e i sintomi, o per alleviare quelli che si ripetono o persistono, l’approccio tradizionale è quello di iniziare a eliminare le possibili cause o contributori. Per esempio, ci sono diversi farmaci che possono contribuire alla colite microscopica o peggiorare la diarrea. I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come l’ibuprofene e l’aspirina, sono colpevoli comuni, così come i farmaci che sopprimono l’acido noti come inibitori della pompa protonica. Anche i dolcificanti artificiali possono causare diarrea, così come i latticini in coloro che sono intolleranti al lattosio. Identificare ed eliminare un fattore che contribuisce può portare al miglioramento e, in alcuni casi, alla risoluzione completa del problema.

Quando i segni e i sintomi persistono, il tuo fornitore di assistenza sanitaria può raccomandare farmaci antidiarroici, come la loperamide (Imodium) o il subsalicilato di bismuto (Pepto-Bismol). Quando i sintomi sono lievi, gli antidiarroici possono essere somministrati a tempo indeterminato, alla dose minima efficace, e se il problema scompare, può essere possibile smettere di prenderli. Tuttavia, avere un piano nel caso in cui i sintomi ritornino.

Quando queste misure non funzionano o i sintomi sono più gravi, allora il corticosteroide budesonide può essere prescritto. Questo farmaco diminuisce l’infiammazione nel colon, ma le ricadute sono comuni quando il farmaco viene interrotto. Raramente, può essere dato a lungo termine, anche se di solito comporta un monitoraggio regolare per gli effetti collaterali, come il glucosio elevato nel sangue o assottigliamento delle ossa. Altre opzioni includono raddoppiare gli sforzi per trovare una causa alternativa o contribuente, ricorrere a farmaci più forti e, raramente, la chirurgia per rimuovere il colon. (Adattato da Mayo Clinic Health Letter.)

Dr. William Tremaine, Gastroenterologia ed Epatologia, Mayo Clinic a Rochester, Minn.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *