Questa è Vis, l’idilliaca isola croata dove è stato girato Mamma Mia 2

Tra tutti i paesaggi del mondo, non era facile sceglierne uno all’altezza di uno dei musical più famosi della storia del cinema. Phyllia Llyd, regista del primo Mamma Mia!, non ha esitato a fare rotta verso la Grecia e a girare le scene nell’arcipelago delle Sporadi, tra Skopelos e Skiathos. Tuttavia, 10 anni dopo l’uscita di quel film, è arrivato il sequel, Mamma Mia! Over and Over Again. E Ol Parker, il nuovo regista, era determinato a smuovere cielo e terra per trovare il luogo ideale per raccontare la seconda parte del musical.

La nuova destinazione dovrebbe avere una natura selvaggia e incontaminata immersa in un’atmosfera tranquilla e forse misteriosa. Il cineasta britannico potrebbe scommettere di nuovo per gli scenari greci utilizzati nella prima versione, ma la sua decisione è caduta su un altro paradiso naturale. Cosa? L’isola di Vis, la meravigliosa enclave croata nel mare Adriatico, a 47 chilometri dalla famosa città di Spalato, la più grande della Dalmazia.

La protagonista, interpretata da Lily James, durante una scena del film.

Il quotidiano Financial Time l’ha definita “la destinazione perfetta per una fuga estiva”. E non era sbagliato. In effetti, Vis ha tutto: spiagge di sabbia dorata, un fondale marino brulicante di pesci, vegetazione mediterranea e scogliere travolgenti. Un insieme di paesaggi naturali che diventano uno sfondo perfetto per le avventure amorose di Donna, interpretata dalla grande Meryl Streep, i suoi amici e quelli della figlia Sophie, il cui ruolo spetta ad Amanda Seyfried.

Lo scenario cambia e con esso alcuni attori. Così, quando le riprese sono iniziate il 12 agosto 2017, a Vis si è unita anche Lily James, meglio conosciuta per aver interpretato Cenerentola nella versione Disney, questa volta nel ruolo della giovane Donna. Sbarcano sull’isola croata anche Josh Dylan, Jeremy Irvin e Hugh Skinner per incarnare i ruoli degli adolescenti Bill, Harry e Sam.

Tutti hanno potuto godere della spiaggia di Stiniva, definita dal portale European Best Destinations come la più bella costa d’Europa. È una spiaggia nascosta nella parte meridionale dell’isola che si estende tra due scogliere torreggianti, raggiungibile solo a piedi o tramite barche che partono dalla baia di Rukavac. Uno scenario da favola oltre alla stessa città di Vis, una città marittima dove ci si può immergere nelle spiagge di Vela Smokova, Milna, Gusarica.

In queste enclavi paradisiache, Ol Parker si mise al lavoro per dare forma alla sua storia. Non sorprende che questo sia un nuovo musical con uno sviluppo narrativo innovativo che utilizza flashback, prolessi e salti temporali per tornare indietro nel tempo all’epoca dell’adolescenza di Donna. Per fare questo, niente di meglio che scegliere un luogo isolato con appena 3.400 abitanti e una lunga storia.

I personaggi del film ‘Mammia Mia! Ancora e ancora’

In effetti, grazie alla sua posizione strategica, quest’isola era nel target militare di molte nazioni. Nei suoi primi tempi, fu occupata dai greci. Poi cadde per quattro secoli nelle mani della Repubblica di Venezia e, tra il 1805 e il 1809, Napoleone Bonaparte la incorporò al Regno d’Italia. Anche durante la seconda guerra mondiale fu una base militare dell’ex Jugoslavia.

Tuttavia, i viaggiatori che pianificano di passare le loro vacanze lì possono stare tranquilli che non troveranno un luogo in rovina, ma un bel posto pieno di visite storiche e monumentali. Nella città di Vis, nella parte orientale dell’isola, si trova il Museo Archeologico di Issa, che vanta la più grande collezione di manufatti del periodo alessandrino del paese. E non è tutto, perché Vis è anche la terra dei vini. Qui i visitatori possono assaporare vugava e plavac e ammirare le vaste distese di vigneti nell’entroterra.

Costa della città di Komiza, sull’isola di Vis.

Ora, se cerchi un’atmosfera più bohémien, dirigiti verso la città di Komiza e conosci le sue tradizioni legate al mare. Puoi dare un’occhiata al monte Hum, entrare nel museo della pesca, visitare un castello veneziano del XVI secolo o scattare una foto di un antico monastero benedettino con la tua macchina fotografica, solo alcune delle cose da fare a Komiza. Aggiungete alle vostre visite un sottofondo musicale con gli ABBA, e la bellezza della città raddoppia. Confermato.

Secondo i criteri di

The Trust Project

Leggi tutto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *