Ricardo Azziz a presiedere il Medical College of Georgia

Il medico Ricardo Azziz è diventato il primo ispanico ad essere nominato presidente del Medical College of Georgia, un’istituzione attraverso la quale l’uruguaiano spera di creare un maggiore impatto nella preparazione di più professionisti della salute latina, tra gli altri obiettivi.

“Il college è molto preoccupato per le disparità tra i gruppi etnici e razziali, ma ci sono molte opportunità per migliorare la situazione e una di queste è cercare di aumentare la diversità negli studenti. Questa è una delle priorità della mia posizione e anche del college”, ha detto a Efe Azziz, che assumerà la presidenza dell’unica università pubblica dello stato in materia di salute all’inizio di luglio.

Il medico, che fino ad ora è stato professore di ginecologia e ostetricia all’Università della California Los Angeles e come medico e amministratore al Cedars-Sinai Medical Center, ha anche sottolineato la necessità per la comunità ispanica dello stato di partecipare a soluzioni e proposte che contribuiranno a migliorare il sistema sanitario dello stato.

“Diversità in termini di servizio, diversità in termini di facoltà e diversità in termini di studenti, perché il paese sta diventando sempre più diversificato e noi come college che guarda al futuro dobbiamo essere preparati per quel futuro”, ha detto il medico.

Secondo l’uruguaiano, che ha una carriera riconosciuta nel campo dei problemi riproduttivi femminili, la crisi economica è uno dei principali ostacoli che devono affrontare le organizzazioni educative.

“Le sfide sono molteplici, anche se la sfida più grande è quella di cui soffriamo tutti, cioè i vincoli economici del paese e il Medical College of Georgia dovrà concentrarsi su come fornire le migliori cure mediche e il miglior insegnamento sanitario e le migliori scoperte con meno soldi”, ha detto il nativo di Montevideo.

Il medico ha anche evidenziato il ruolo importante che i think tank giocheranno nel plasmare le politiche e i sistemi sanitari degli Stati Uniti in futuro.”

“I centri medici accademici saranno fondamentali per rendere il design dei sistemi sanitari in futuro più efficiente, meno costoso e più efficace”, ha detto.

Lo specialista dell’infertilità femminile, che è fondatore e presidente di un’organizzazione senza scopo di lucro che studia gli effetti dell’eccesso di androgeni chiamata Society for Polycystic Ovarian Syndrome and Androgen Excess, spera di mettere più enfasi sulla ricerca una volta che avrà assunto la carica.

Azziz ha pubblicato sei libri di testo e ha una comprovata esperienza nella ricerca di problemi riproduttivi femminili legati a disturbi endocrini, in particolare da eccesso di androgeni.

Il medico ha conseguito la laurea in scienze presso l’Università di Mayaguez, Porto Rico, e la laurea in medicina presso la Pennsylvania State University, così come un master in sanità pubblica e amministrazione aziendale presso l’Università dell’Alabama a Birmingham.

L’uruguaiano ha completato una borsa di studio in ostetricia e ginecologia presso l’ospedale universitario di Georgetown a Washington, D.C., e una borsa di studio in endocrinologia e ostetricia presso il Georgetown University Hospital di Washington, D.C., e una borsa di studio in endocrinologia e ostetricia presso il Georgetown University Hospital di Washington, D.C, e un altro in endocrinologia e infertilità al Johns Hopkins Hospital di Baltimora, Md.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *