Sharingan e varianti | Wiki | OCs United & Roleplay Amino Amino

×ʜᴀʙɪʟɪᴅᴀᴅ ᴠɪsᴜᴀʟ (ᴋᴇᴋᴋᴇɪ ɢᴇɴᴋᴀɪ)×

sʰᵃʳⁱⁿᵍᵃⁿ

Lo Sharingan (写輪眼, Sharingan, letteralmente Occhio che gira copiando) è uno dei tre grandi Dōjutsu, e Kekkei Genkai del Clan Uchiha di Konohagakure anche se inizialmente è apparso nel Clan Ōtsutsuki.

Una delle principali abilità dello Sharingan è quella di essere in grado di vedere il flusso di Chakra delle persone e quindi avere la capacità di dire se qualcuno è sotto un Genjutsu, se ha riserve di Chakra basse o alte e anche essere in grado di identificare e riconoscere il colore del chakra di un Ninjutsu o Taijutsu come il Pugno Morbido.

Grazie alla capacità dello Sharingan di percepire i tipi di Chakra, l’utente è in grado di vedere e prendere in considerazione anche il più piccolo dettaglio attraverso un’intuizione onnicomprensiva, come ad esempio imitare qualsiasi tipo di movimento sia che si tratti di sigilli di mano che di sigilli di tutto il corpo, memorizzando istantaneamente gli esatti schemi di movimento e la registrazione del chakra impiegato.

Un’altra capacità che lo Sharingan possiede è la capacità di eseguire i più potenti Genjutsu esistenti fino a convincere il cervello che sia reale. Insieme a questa abilità ne arriva un’altra che è quella di ipnotizzare chiunque con il solo contatto visivo facendo fare agli altri tutto ciò che l’utente vuole e perdendo la loro volontà, Zabuza si riferisce a questa abilità come “Occhio dell’ipnotismo” (催眠眼, Saimingan). La combinazione di queste due abilità può rendere facile per l’utente copiare le tecniche senza che l’avversario sappia cosa sta succedendo, facendogli credere che l’utente dello Sharingan possa “vedere il futuro” e “leggere la mente”. Inoltre kudo sviluppato la capacità di; vedere attraverso, annullare e riflettere qualsiasi Genjutsu, vedere le cose come un rallentamento ed essere in grado di vedere il subconscio di un Jinchūriki e permettergli di sopprimere il chakra della Bestia Codata.

Izanami

Per iniziare la tecnica, l’incantatore deve decidere volontariamente un’azione, mentre usa lo Sharingan per memorizzare la sensazione corporea di quell’istante, come una fotografia (rappresentato come: A). L’utente deve ripetere la stessa sensazione intenzionalmente mentre usa lo Sharingan per memorizzare anche quell’istante (rappresentato come: A’). Izanami sovrappone allora le due sensazioni corporee identiche (A e A’), creando un ciclo. Il flusso di tempo e di eventi che si verifica tra le due sensazioni memorizzate si ripeterà in un ciclo infinito.

Nonostante sia in grado di prendere coscienza della propria situazione, la vittima non è in grado di modificare significativamente o sfuggire all’inevitabile progressione di questi eventi, ma riconoscendo i risultati di ciò che ha fatto e smettendo di cercare di scappare. Mentre è sotto gli effetti della tecnica, il bersaglio rimarrà immobile, mentre il ciclo di eventi gioca continuamente nella sua mente

ᴍᵃᵍⁿᵉᵏʸᵒ sʰᵃʳⁱⁿᵍᵃⁿ

Il Mangekyō Sharingan (万華鏡写輪眼, Mangekyō Sharingan, letteralmente Caleidoscopio Occhio Copiante Rotante) è la seconda forma più avanzata dello Sharingan, secondo solo al Mangekyō Eternal Sharingan. Questa evoluzione dà al suo utilizzatore l’accesso a un grande potere e la capacità di eseguire tecniche proibite e misteriose; si distingue inoltre da un normale Sharingan per il suo aspetto, che cambia drasticamente il suo design a seconda di chi indossa il dōjutsu.

Per acquisire il Mangekyō Sharingan, l’utente deve affrontare la perdita di una persona cara, come un membro della famiglia o il suo migliore amico, e di solito si deve essere testimoni o sperimentare questo in prima persona. Tuttavia, per accelerare il processo, molti Uchiha nel corso della storia all’interno del Clan Uchiha hanno ucciso le persone più vicine a loro per soddisfare questo criterio.

Con l’uso costante del Mangekyō Sharingan, la vista dell’utente si deteriora fino al punto di cecità a causa della perdita di luce nella pupilla. Solo trapiantando altri occhi contenenti il Mangekyō Sharingan (da una persona viva o morta, specialmente se si tratta di un parente stretto), la vista può essere ripristinata e far sì che l’utente ottenga un nuovo potere, l’Eterno Mangekyō Sharingan (永遠の万華鏡写輪眼, Eien no Mangekyō Sharingan). Tuttavia, per eseguire il trapianto è necessario che il “donatore” e il “ricevente” abbiano uno strano rapporto di sangue, motivo per cui di solito lo scambio avviene tra fratelli. Quando questo accade, l’utente non solo ottiene una visione relativamente perfetta, ma anche una potenza ancora maggiore. Questo metodo fa sì che il disegno dello Sharingan Mangekyō abbia un nuovo aspetto, che è la combinazione del suo e di quello del “donatore”.

Amaterasu

L’uso di Amaterasu produce fiamme nere a getto nel punto focale della visione dell’utente, che il più delle volte rende impossibile evitarle data la velocità con cui vengono generate. Tuttavia, se il bersaglio è abbastanza veloce, l’Amaterasu può mancare nonostante sia fissato con la visione dell’utente. Le fiamme non possono essere estinte con acqua o altri metodi comuni, solo l’utente è in grado di estinguerle. Le fiamme nere hanno alte temperature che bruciano con la stessa intensità del sole, Amaterasu è in grado di bruciare qualsiasi tipo di materiale fino a quando non rimane altro che cenere, e anche consumare altre fiamme, oltre a continuare a bruciare per sette giorni e sette notti. Il suo potere è tale che è stato in grado di aprire istantaneamente un enorme buco nell’esofago di Iwagama, un gigantesco rospo sputafuoco, cosa che ha lasciato Jiraiya costernato.

Tsukuyomi

L’uso dello Tsukuyomi richiede il contatto visivo per essere eseguito, intrappolando così il bersaglio in un’illusione completamente sotto il controllo dell’utente, dove può controllare completamente il tempo, lo spazio e persino la massa. All’interno del jutsu, coloro che sono intrappolati soffriranno i tormenti di un inferno indescrivibile di dolore e tortura, e un’altra volta, verrà loro mostrata ripetutamente un’orribile, infernale immagine di agonia e caos, senza alcuna idea di quando tutto questo finirà. Di conseguenza, chi è intrappolato nell’illusione può solo aspettare il collasso della sua psiche. Indipendentemente dal fatto che la persona imprigionata all’interno della tecnica possieda una resistenza di ferro, essa è completamente impotente, essendo la ragione per cui è temuta come il genjutsu più potente.

Lo Tsukuyomi è uno dei più temibili Genjutsu esistenti a causa della sua grande potenza e complessità, questa illusione non può essere affrontata con i soliti metodi per combattere i Genjutsu, quindi non può essere dissipata in alcun modo.

Kamui

Il Kamui permette all’utente di trasferire qualsiasi cosa in un’altra dimensione creata dal Mangekyō Sharingan. Una volta che il bersaglio viene mandato in questa dimensione, non è in grado di fuggire. Questa tecnica è anche capace di rendere l’utente “intangibile” trasportando parti del suo corpo nella stessa dimensione del Kamui. Ogni occhio concesso dal Kamui permette a chi lo usa di teletrasportarsi in un’altra dimensione, anche se il modo in cui ciò avviene dipende dall’occhio. Creando una distorsione vorticosa, centrata sull’occhio, l’utente è in grado di aprire un vuoto nell’altra dimensione. L’effetto di questa tecnica agisce come una forza di attrazione, sia attirando i bersagli visibili verso l’interno che distorcendo la loro forma fino a farli sparire. Dopo aver assorbito i bersagli attraverso questo processo, è in grado di espellerli in qualsiasi momento a sua scelta, con maggiore o minore forza. In questo modo, è in grado di attaccare con armi di proporzioni e/o quantità gigantesche con relativa facilità e in qualsiasi momento, dando agli avversari poche possibilità di agire di conseguenza. È in grado di diventare intangibile per permettere ad altri oggetti di passare innocuamente attraverso il suo stesso corpo, questa tecnica la impiega principalmente per evitare lesioni dagli attacchi dei suoi avversari. In realtà, questo non è che un’altra estensione dello Space-Time Ninjutsu, dove egli teletrasporta qualsiasi parte del suo corpo nella Dimensione Kamui, apparendo intangibile, poiché non viene visto dagli oggetti che lo attraversano.

Susanoo

Susanoo (須佐能乎, Susanoo; nella mitologia giapponese è il Dio del Mare) è un jutsu che crea uno spirito umanoide nella forma di un guerriero samurai. È uno spirito gigantesco, che circonda e protegge l’utente che lo usa. È un’abilità concessa dal Mangekyō Sharingan, così come un’abilità generale per coloro che lo hanno risvegliato e lo possiedono in entrambi gli occhi. L’utente si lega con il Susanoo durante il suo utilizzo, poiché deve fare da tramite per lo spirito, permettendogli di consumare la sua energia vitale.

Spada Totsuka

La spada Totsuka (十拳剣, Totsuka no Tsurugi) o spada lunga Sakeragi (酒刈太刀, Sakegari no Tachi) è una spada dello spirito e una delle armi leggendarie del Susanoo. Questa spada viene ottenuta da Itachi in un modo misterioso. Ha una potenza enorme ed è in grado di tagliare qualsiasi cosa, ma la sua abilità principale si basa sul sigillare in un mondo di Genjutsu per l’eternità qualsiasi persona o oggetto che attraversa, le anime delle persone che sigilla vengono assorbite dalla spada, la spada stessa porta un potente Fūinjutsu.

ᴍᵃᵍⁿᵉᵏʸᵒ ᴍᵃᵍⁿᵉᵏʸᵒ sʰᵃʳⁱⁿᵍᵃⁿ ᵉᵗʳⁿᵒ

Mangekyō Sharingan Eternal (永遠の万華鏡写輪眼, Eien no Mangekyō Sharingan, letteralmente Occhio Caleidoscopico Rotante Copiante dell’Eternità) è la metamorfosi del Mangekyō Sharingan. Si ottiene quando un Uchiha impianta il Mangekyō Sharingan di un altro Uchiha. Così facendo, i due disegni si fondono, e il possessore di tale Dōjutsu, può usare le tecniche del Mangekyō senza che la sua vista si deteriori per l’uso continuato, rendendolo uno Sharingan relativamente perfetto.

Con il tempo, l’uso delle tecniche dello Sharingan Mangekyō causa il deterioramento della vista dell’utente fino alla cecità. Solo trapiantando il Mangekyō Sharingan di un altro membro del Clan Uchiha si può ripristinare la visione, la cui luce non si estinguerà con il suo continuo utilizzo. Affinché il trapianto sia più efficace, il donatore e il ricevente devono avere un qualche tipo di rapporto, preferibilmente di sangue; un fratello, per esempio, sarebbe il migliore dei donatori.

Dopo il trapianto viene eseguito, il ricevente deve riposare per abituarsi ai suoi “nuovi” occhi. Il tempo che impiega ogni persona può variare, in alcuni casi ci vogliono diversi giorni, come si è visto nel caso di Sasuke. Questo processo non solo ripristina la visione, ma concede all’utente un potere ancora maggiore. Il Mangekyō Sharingan Eternal cambia anche la forma del suo design originale, andando ad avere un design che combina il proprio con quello di chi ha “donato” gli occhi.

Amaterasu

L’uso di Amaterasu produce fiamme nere a getto nel punto focale della visione dell’utente, che nella maggior parte delle occasioni rende impossibile evitare data la velocità con cui vengono generate. Tuttavia, se il bersaglio è abbastanza veloce, l’Amaterasu può mancare nonostante sia fissato con la visione dell’utente. Le fiamme non possono essere estinte con acqua o altri metodi comuni, solo l’utente è in grado di estinguerle. Le fiamme nere hanno alte temperature che bruciano con la stessa intensità del sole, Amaterasu è in grado di bruciare qualsiasi tipo di materiale fino a quando non rimane altro che cenere, e anche di consumare altre fiamme, oltre a continuare a bruciare per sette giorni e sette notti. Il suo potere è tale che è stato in grado di aprire istantaneamente un enorme buco nell’esofago di Iwagama, un gigantesco rospo sputafuoco, cosa che ha lasciato Jiraiya costernato.

Tsukuyomi

L’uso dello Tsukuyomi richiede il contatto visivo per essere eseguito, intrappolando così il bersaglio in un’illusione completamente sotto il controllo dell’utente, dove può controllare completamente il tempo, lo spazio e persino la massa. All’interno del jutsu, coloro che sono intrappolati soffriranno i tormenti di un inferno indescrivibile di dolore e tortura, e un’altra volta, verrà loro mostrata ripetutamente un’orribile, infernale immagine di agonia e caos, senza alcuna idea di quando tutto questo finirà. Di conseguenza, chi è intrappolato nell’illusione può solo aspettare il collasso della sua psiche. Indipendentemente dal fatto che la persona imprigionata all’interno della tecnica possieda una resistenza di ferro, essa è completamente impotente, essendo la ragione per cui è temuta come il genjutsu più potente.

Lo Tsukuyomi è uno dei più temibili Genjutsu esistenti a causa della sua grande potenza e complessità, questa illusione non può essere affrontata con i soliti metodi per combattere i Genjutsu, quindi non può essere dissipata in alcun modo

Kamui

Il Kamui permette all’utente di trasferire qualsiasi cosa in un’altra dimensione creata dal Mangekyō Sharingan. Una volta che il bersaglio viene mandato in questa dimensione, non è in grado di fuggire. Questa tecnica è anche capace di rendere l’utente “intangibile” trasportando parti del suo corpo nella stessa dimensione del Kamui. Ogni occhio concesso dal Kamui permette a chi lo usa di teletrasportarsi in un’altra dimensione, anche se il modo in cui ciò avviene dipende dall’occhio. Creando una distorsione vorticosa, centrata sull’occhio, l’utente è in grado di aprire un vuoto nell’altra dimensione. L’effetto di questa tecnica agisce come una forza di attrazione, sia attirando i bersagli visibili verso l’interno che distorcendo la loro forma fino a farli scomparire. Dopo aver assorbito i bersagli attraverso questo processo, è in grado di espellerli in qualsiasi momento a sua scelta, con maggiore o minore forza. In questo modo, è in grado di attaccare con armi di proporzioni e/o quantità gigantesche con relativa facilità e in qualsiasi momento, dando agli avversari poche possibilità di agire di conseguenza. È in grado di diventare intangibile per permettere ad altri oggetti di passare innocuamente attraverso il suo stesso corpo, questa tecnica la impiega principalmente per evitare lesioni dagli attacchi dei suoi avversari. In realtà, questo non è che un’altra estensione dello Space-Time Ninjutsu, dove egli teletrasporta qualsiasi parte del suo corpo nella Dimensione Kamui, apparendo intangibile, poiché non viene visto dagli oggetti che lo attraversano.

Susanoo

Susanoo (須佐能乎, Susanoo; nella mitologia giapponese è il Dio del Mare) è un jutsu che crea uno spirito umanoide nella forma di un guerriero samurai. È uno spirito gigantesco, che circonda e protegge l’utente che lo usa. È un’abilità concessa dal Mangekyō Sharingan, così come un’abilità generale per coloro che lo hanno risvegliato e lo possiedono in entrambi gli occhi. L’utente si lega con il Susanoo durante il suo utilizzo, poiché deve fare da tramite per lo spirito, permettendogli di consumare la sua energia vitale.

Susanoo aspetto:

ʀⁱⁿⁿᵉᵍᵃⁿ

Il Rinnegan (輪廻眼, Rinnegan, letteralmente Occhio di Saṃsāra) è uno dei tre grandi Dōjutsujunto lo Sharingan e il Byakugan e considerato il più potente tra essi, si dice che chi usa il Rinnegan sia mandato dal cielo per diventare o un Dio della Creazione che fermerà il disordine del mondo o un Dio della Distruzione che ridurrà tutto al nulla. Il Rinnegan è caratterizzato dal suo disegno a onde, che si estende lungo i bulbi oculari, con sottili iridi e sclere viola grigiastre.

Il Rinnegan si manifestò per la prima volta come un Kekkei Mōra ereditato da Hagoromo Ōtsutsuki, come una variazione inferiore del Rinne Sharingan di sua madre Kaguya Ōtsutsuki. Nell’anime dopo aver quasi perso suo fratello Hamura Ōtsutsuki, Hagoromo è stato in grado di risvegliare il Mangekyō Sharingan mentre risvegliava anche il Rinnegan. Con il suo Dōjutsu, Hagoromo fu in grado di salvare il mondo dai Dieci Code e creare il Ninshū, che sarebbe stato il precursore del Ninjutsu. Grazie a tutti i suoi contributi al mondo, Hagoromo fu chiamato e venerato come il Saggio dei Sei Sentieri, salendo mitologicamente attraverso i secoli insieme al Rinnegan, riuscendo a diventare considerato una leggenda da molti, e anche quando il Rinnegan fu provato che esisteva, gli fu attribuito di essere solo una semplice mutazione.

Come lo Sharingan e il Mangekyō Sharingan, il Rinnegan ha dimostrato la capacità di controllare le Bestie con la Coda attraverso l’uso del Sentiero Esterno, con le sue Catene di Chakra e i recettori. Il possessore di questi occhi ha il potenziale per padroneggiare completamente i Cinque Tipi Elementari di Chakra, essendo in grado di imparare qualsiasi ninjutsu di alto livello, oltre a permettere all’utente di vedere il Chakra, comprese le barriere altrimenti nascoste. Inoltre, il Rinnegan permette di decifrare di più la carta del Saggio dei Sei Sentieri sopra lo Sharingan e il Mangekyō Sharingan. Uno che ha manifestato il Rinnegan, come Madara o Sasuke Uchiha, è in grado di disattivarlo in qualsiasi delle sue forme precedenti anche nello Sharingan o negli stati normali. Come lo Sharingan quando trapiantato il Rinnegan sembra rimanere sempre attivato, come nei rispettivi casi di Nagato e Obito Uchiha.

I sei sentieri del dolore

Jutsu: Sei Sentieri (六道の術, Rikudō no Jutsu), è un jutsu che dà all’utilizzatore il potere di usare sei grandi forze oltre a dividere la sua anima in sei corpi inerti, “I sei sentieri del dolore” che erano tutti corpi rianimati che Nagato poteva controllare con il Rinnegan. Così facendo, Nagato poteva vedere il campo secondo la visione di ogni singolo corpo, coordinando i corpi con una pianificazione estremamente precisa. Gli animali evocati attraverso il Sentiero degli Animali possedevano anche il Rinnegan, quindi Nagatolo controllava e condivideva anche il loro campo visivo così come il Re dell’Inferno con l’uso del Sentiero Esterno.

Shinra Tensei

Shinra Tensei (神羅天征, Giudizio Divino) è un jutsu caratteristico unico del Rinnegan. Può respingere qualsiasi attacco fisico, ninjutsu o persona con una spinta. Questa tecnica manipola la gravità, che è utile come mezzo di protezione non importa quanto sia potente o grande l’attacco del suo avversario o anche il suo avversario. Inoltre potrebbe anche trattenere più avversari o attacchi al costo di cinque secondi, durante i quali l’utente è reso indifeso e completamente esposto ad ulteriori attacchi rivali.

Bansho Ten’in

Banshō Ten’in (万象天引, Attrazione Universale) è un jutsu simile allo Shinra Tensei in quanto manipola la gravità sugli utenti, tuttavia invece di spingere via gli oggetti, li tira verso l’utente. Ha lo stesso limite di cinque secondi dello Shinra Tensei e vanta un ampio raggio d’azione, come il Deva Path di Nagato è stato in grado di tirare Kakashi mentre Kakashi era a grande distanza.

Chibaku Tensei

Chibaku Tensei (地爆天星, devastazione planetaria) è una tecnica speciale sviluppata dal Saggio dei Sei Sentieri, che la usò per creare la Luna e racchiudere il Jubi al suo interno e consiste nel fatto che l’utente crea una sfera di colore nero che lancia nel cielo. Questa sfera attira verso di sé tutti gli oggetti dei dintorni, comprese le foreste e le montagne, si riuniscono in un unico punto, riempiendosi uno sull’altro fino a creare una grande sfera. Rimane un grande cratere dove la terra è stata ottenuta.

Percorso Esterno – Jutsu della Vita Celeste di Saṃsāra

Percorso Esterno – Jutsu della Vita Celeste di Saṃsāra, è in grado di incanalare il suo chakra attraverso il Re dell’Inferno per infondere energia vitale in quei corpi che sono passati e hanno perso la loro anima. Usando i vari corpi ringiovaniti come pilastri, le anime sono in grado di restituire il loro percorso di vita e l’aldilà per tornare ai loro contenitori fisici.

Ricevitore Nero

Il Ricevitore Nero (黒い受信機, Kuroi Jushinki) è una canna che può essere creata dagli utenti di Rinnegan. Questi permettono agli utenti di trasmettere il chakra attraverso di loro, anche a grandi distanze, ma la trasmissione è migliore quando il punto perforato dal ricevitore è più vicino all’utente. I ricevitori scompaiono o si disintegrano se l’utente muore o è incapace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *