Slacker Kings (Italiano)


Questo articolo o sezione ha bisogno di riferimenti che appaiono in una pubblicazione affidabile.
Questo avviso è stato pubblicato il 17 marzo 2017.

“Re oziosi” era un soprannome dato ai re merovingi che governarono i regni franchi della tarda dinastia, soprattutto dopo la morte di Dagoberto I, per la loro incapacità di governo. In generale, erano re deboli, con poca o nessuna iniziativa, governati dalle loro mogli e famiglie, oppure vittime di intrighi di palazzo, e che prestavano poca attenzione alla politica. Con il passare del tempo, il funzionario incaricato dell’amministrazione domestica (l’intendente di palazzo, nome che deriva dal direttore della casa, la domus maggiore) prese su di sé il compito di governare.

Questo appellativo è dovuto a Eginardo, biografo di Carlo Magno, nella sua Vita Karoli Magni, scritta nel IX secolo. Egli legittimò così la presa del potere da parte dei Carolingi, poiché, come scrive, i Merovingi “erano re solo di nome”

Una serie dinastica di questi ultimi, composta da Carlo Martello e Pipino il Breve, finì per sopraffare i re oziosi, l’ultimo dei quali (Childerico III) fu deposto dal Papa, ritirandosi in un monastero senza nemmeno tentare di difendere il suo trono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *