Social network creato per i medici che vogliono lasciare la medicina

(CNNMoney) – Il nome è molto eloquente: Il Drop Out Club è il club per coloro che stanno lasciando la loro professione, lasciando la medicina per perseguire altri orizzonti oltre il camice bianco. È una piattaforma online, un social network, che sta aiutando i medici a trovare carriere al di fuori della medicina.

Nel 1999, sei ex compagni di scuola di medicina si sono riuniti per chattare e scoprire come stava andando la loro vita. Erano ansiosi di condividere le loro esperienze perché ognuno aveva lasciato la medicina per perseguire carriere alternative.

Più tardi quell’anno, Rael Mazansky ha co-fondato un sito web per il gruppo per rimanere in contatto. È diventato il Drop Out Club.

Oggi, la piattaforma ha più di 23.000 membri in 102 paesi e ha ampliato i suoi parametri per includere i dottori di ricerca scientifica.

I membri abbracciano lo spettro – dagli studenti di medicina ai medici che esercitano da più di 15 anni, ha detto Mazansky.

(Credit: INDRANIL MUKHERJEE/AFP/GettyImages)

(Credit: INDRANIL MUKHERJEE/AFP/GettyImages)

Nel 2009, il Drop Out Club è diventato anche un sito di annunci di lavoro, ha detto Mazansky. La piattaforma è ideale per i datori di lavoro che vogliono candidati con esperienza medica.

“Sui forum di lavoro in generale, trovare quei candidati è come trovare un ago in un pagliaio”, ha detto Mazansky.

Serve anche ai medici non esperti quando cercano carriere al di fuori della medicina.

Drop Out Club aumenta la domanda di lavoro

Anche se la registrazione è gratuita, il Drop Out Club fa pagare alle aziende 500 dollari per pubblicare un annuncio di lavoro. Fino ad oggi, 500 datori di lavoro – tra cui studi legali, hedge fund e aziende biotecnologiche, hanno usato la piattaforma per assumere personale.

(Credit: DOC)

(Credit: DOC)

Mazansky ha detto che le aziende che offrono lavoro ricevono una media di 75 domande, e “anche fino a 200 in alcuni casi.”

Karine Kleinhaus sostiene che grazie al Drop Out Club ha ottenuto il suo primo lavoro fuori dalla medicina. Kleinhaus era un ostetrico-ginecologo e anche un professore alla New York University School of Medicine.

Aveva amato la medicina e vedere i pazienti, ma si sentiva sempre più sopraffatta e oberata dalle scartoffie e dalla logistica associate alla pratica.

“L’ambiente è diventato molto stressante, specialmente in ostetricia”, ha detto. “Non è la parte medica, ma cose come i rimborsi ridotti e le questioni legali che si aggiungono alle lunghe ore di lavoro.”

Ha scoperto il Drop Out Club tre anni fa quando stava cercando altre opzioni di lavoro, in particolare nel settore delle biotecnologie. Kleinhaus si è iscritta alla rete e in poche settimane ha ottenuto il suo primo lavoro come account executive presso una società di marketing e comunicazione focalizzata sulle biotecnologie.

Ha lavorato lì per un anno e poi ha ottenuto un lavoro come vicepresidente di divisione presso la società biotech Pluristem Therapeutics.

“Amo la scienza. Il mio passaggio alle biotecnologie mi permette di continuare a usare ciò che ho imparato alla scuola di medicina”, ha detto.

La dottoressa Karine Kleinhaus (a destra) era una professoressa alla New York University School of Medicine. Nella foto con la sua collega, la dottoressa Sumana Yeturu.

La dottoressa Karine Kleinhaus (a destra) era docente alla New York University School of Medicine. È nella foto con la sua collega, la dottoressa Sumana Yeturu.

Mazansky ha notato che l’adesione al club Drop Out è più che raddoppiata negli ultimi 18 mesi. Cosa sta guidando questo aumento?

“C’è una crescente insoddisfazione tra i medici”, ha detto, facendo eco al punto di Kleinhaus sulla burocrazia dei rimborsi e sui requisiti amministrativi. Oltre a questo, ha aggiunto che i medici soffrono del costo oneroso dell’assicurazione contro le malpractice.

Ma non è facile per i medici passare a una carriera totalmente diversa.

“È difficile perché passano la maggior parte della loro vita a formarsi e a praticare una professione”, ha detto. “Stiamo cercando di aiutarli ad esplorare altre opzioni che potrebbero perseguire.”

Mazansky stesso si è laureato come medico e ha fatto un master in economia aziendale alla Columbia University.

Non ha mai fatto una specializzazione e invece è entrato nell’investment banking. Oggi dirige una società di investimenti incentrata sulla salute (e gestisce il Drop Out Club con un partner).

“Mi sono reso conto negli ultimi anni di scuola medica che la medicina non era la carriera che volevo”, ha detto. “Amavo la scienza, ma sapevo che la pratica vera e propria non mi avrebbe reso felice.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *