Sunburst Honey Locust Trees: senza spine e senza semi 2021

Sunburst honey locust ha foglie dorate. David Beaulieu

Tassonomia e botanica della robinia Sunburst

La tassonomia delle piante classifica la robinia Sunburst come Gleditsia triacanthos var. inermis ‘Suncole. Si noti che, anche se il nome della cultivar è Suncole, la pianta è di solito indicata con il suo nome commerciale, Sunburst.

La robinia Sunburst è un albero deciduo.

Caratteristiche di Sunburst Honey Locust Trees

Questo albero raggiunge un’altezza matura di 30-40 piedi, con una diffusione un po’ meno di quello.

E ‘lento a fogliare in primavera, ma quando lo fa, il suo display fogliame è qualcosa da vedere. Il nuovo fogliame inizia in giallo, poi si trasforma in un giallo-verdastro ancora attraente, prima di assumere una tonalità verde più pedonale in estate. Quando è il momento di mostrare il fogliame autunnale, le foglie tornano più o meno al colore giallo che le ha segnate in primavera. Quindi, come gli aceri giapponesi di Bloodgood, questo albero offre un buon colore del fogliame per almeno due diverse stagioni dell’anno.

In forma, le foglie composte sono simili a felci, con una struttura fine. La ramificazione è relativamente aperta e ariosa. Sono alberi a crescita rapida.

Questo resistente esemplare è tollerante a diversi fenomeni ambientali avversi che rendono la vita difficile a piante più delicate, come descrivo di seguito. Altrettanto importante, questo è un albero che non ingombra, quindi non vi renderà la vita più difficile (vedi sotto “Honey Locusts Thornless, Dustless, Uncluttered”).

Zone di impianto, requisiti di luce solare, giardinaggio e altri usi

Sunburst Honey Locusts (Gleditsia triacanthos var. Inermis) sono native del Nord America. Sunburst può essere coltivata nelle zone di impianto 4-9. Piantalo in pieno sole.

Questi alberi possono funzionare come piante esemplari e/o come alberi stradali (vedi sotto).

Come le viti di kiwi, ci permettono di parlare, insolitamente, di una “stagione del fogliame primaverile” (al contrario della più familiare stagione del fogliame autunnale), poiché il colore delle loro foglie è forse più visivamente -Apertura in primavera.

Perché il loro baldacchino è relativamente sciolto e arioso, non sono alberi da ombra particolarmente efficaci se state cercando un’ombra profonda. Ma questa stessa qualità li rende buoni alberi da prato.

Perché? Perché il problema con la maggior parte dei grandi alberi è che le loro chiome gettano troppa ombra sull’erba che cerca di crescere sotto di loro (a meno che non si coltivi un’erba che tollera l’ombra). L’erba coltivata sotto il baldacchino relativamente aperto degli alberi di carrubo è più probabile che riceva un’adeguata luce solare.

Ma la robinia serviva molte funzioni pratiche molto prima che tipi come Sunburst fossero sviluppati e diventassero popolari alberi da paesaggio.La pianta della specie era tradizionalmente usata nella fabbricazione, per esempio, di traversine ferroviarie e pali di recinzione. Dal momento che tali prodotti fatti con il suo legno forte e durevole sono diventati degli infissi nella vita quotidiana, non c’è da meravigliarsi che molte città degli Stati Uniti abbiano una “Locust Street”.

Le cavallette senza spine, senza spine, senza casino: Shademaster e Sunburst

Prima di tutto, tenete presente che ci sono diversi tipi di cavallette.

Per esempio, le cavallette nere sono classificate come Robinia pseudoacacia . Ma anche all’interno del genere Gleditsia , abbiamo:

  1. Gleditsia triacanthos , locuste spinose
  2. Gleditsia triacanthos var. inermis , locuste senza spine

# 1 sopra è praticamente definito dalla presenza di aculei pericolosi, da cui il nome comune. Allo stesso modo, con #2, la gente era così impressionata dal fatto che questi alberi mancassero di spine così imponenti che li chiamavano semplicemente “locuste senza spine”, un fatto che si riflette anche nel nome latino (vedi sotto). Per evitare di esporre la pelle sensibile delle persone a punture accidentali da spine affilate, solo il numero 2 è incoraggiato per l’uso nel giardinaggio.

Mentre questo risolve un problema paesaggistico (cioè la sicurezza), non ne risolve un altro associato alla Gleditsia, che sia spinosa o senza spine: cioè il disordine che si crea quando i baccelli cadono a terra in autunno.

Quindi, tutto il trambusto per sviluppare tipi di locuste del miele senza spine che sono anche relativamente senza baccelli. Dico “relativamente” perché, come sottolineano Gilman e Watson, sugli alberi più vecchi, “alcuni semi si sviluppano.”

Sunburst non è l’unico tipo senza baccello. Shademaster è un altro esempio. Mentre Sunburst inizia con foglie gialle, l’evoluzione del colore di Shademaster è più in linea con la norma, iniziando in primavera con il verde e terminando con un fogliame autunnale dorato.

Lo sviluppo dei tipi senza bolla è stato un grande colpo ed ha elevato le locuste senza spine allo status di elite come albero senza disordine, ideale per la bassa manutenzione del paesaggio. Perché, in termini di disordine creato dalle foglie cadute, erano già meno disordinati di molti altri. La piccola dimensione delle loro foglie significa che, quando cadono, hanno meno probabilità di soffocare l’erba del prato, come fanno le foglie più grandi (che è una delle ragioni per cui rastrelliamo le foglie).

Ma ora, con la disponibilità di Sunburst, Shademaster, ecc, si ha la possibilità di piantare un esemplare che non è così disordinato come può essere un albero. Questo è un sollievo, perché i tipi con baccelli di semi possono essere una specie di incubo per la pulizia. Abbiamo quell’albero al limite della nostra proprietà. Quando i baccelli dei semi ci cadono addosso in autunno, l’erba sottostante è coperta da quelli che sembrano serpenti marroni e piatti. Circa l’unico uso che ho trovato per loro è la creazione di palle da bacio naturali.

Problemi (parassiti, malattie), caratteristiche eccezionali di Sunburst Honey Locust Trees

Questi alberi sono spesso attaccati da insetti come webworm e piralide, e da malattie come la macchia fogliare e la malattia canker. Fortunatamente, però, le locuste del miele sono piante resistenti ai cervi.

Ecco alcune altre buone qualità della pianta. Le robinie Sunburst sono:

  • Alberi tolleranti alla siccità
  • Tolleranti all’inquinamento
  • Tolleranti al sale
  • Tolleranti al terreno compattato

È tutta questa “tolleranza” che li rende ottimi alberi stradali.

Ma la loro utilità come alberi stradali comincia solo a raccontare la storia del loro valore. Questi sono esemplari molto attraenti in primavera – attraenti al punto di attirare l’attenzione (beh, le teste sul collo degli amanti delle piante comunque).

Il colore brillante delle foglie primaverili li rende un vero e proprio eye-catcher nel paesaggio.

Origine dei nomi

Ti sei mai chiesto cosa questi alberi potrebbero avere a che fare con un insetto simile alla cavalletta chiamato “locusta”? Si scopre che l’albero ha preso il nome dall’insetto perché le sue capsule di semi sono state pensate per assomigliare a loro.

Il Missouri Botanical Garden (MBOT) fa un buon lavoro per spiegare i nomi comuni e scientifici di questa pianta. Il nome comune, “miele di locusta” (o “honeylocust” – una parola) si riferisce a “una dolce sostanza gommosa” che si trova nei baccelli dei semi. Nel frattempo, il nome del genere, Gleditsia , è basato sul cognome di un uomo (Gleditsch, un direttore del giardino botanico di Berlino nel 18° secolo).

Ma sono molto più affascinato dal resto del nome scientifico, Gleditsia triacanthos var. inermis . Il greco acantha, “spina”, preceduto dal prefisso tri, “tre”, ci dà triacanthos, un riferimento alle tre spine ramificate della specie vegetale (cioè la locusta spinosa), come sottolinea MBOT. Finora tutto bene. Ma è qui che arriva la contraddizione: per indicare la varietà senza spine, si usa il termine inermis. Questa parola viene dal latino e significa “disarmato”, poiché non è armato di aculei o spine. Così triacanthos e inermis ci presentano una giustapposizione di “spinoso” e “senza spine”, rispettivamente. Cioè, essenzialmente si annullano a vicenda.

Torna a => Piante da esterno facili da coltivare

Torna a => 5 alberi sporchi e alcuni sostituti

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *