Trump non esclude l’incontro con Maduro: “Ci penserei”

(CNN) – Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha risposto che “forse ci penserei”, quando gli è stato chiesto se avrebbe incontrato il presidente interrogato del Venezuela, Nicolas Maduro, secondo un’intervista che ha rilasciato al portale Axios.

“Forse ci penserei… Maduro vorrebbe incontrarsi e io non mi oppongo mai agli incontri, raramente mi oppongo agli incontri”, ha detto in un’intervista che ha rilasciato venerdì ai media digitali.

“Io dico sempre: si perde poco con gli incontri. Ma a questo punto, li ho respinti”, ha aggiunto il presidente degli Stati Uniti, secondo la pubblicazione.

Queste dichiarazioni potrebbero sollevare dubbi sulla posizione degli Stati Uniti sul Venezuela, dato che l’amministrazione Trump ha riconosciuto il presidente dell’Assemblea Nazionale del paese sudamericano, Juan Guaidó, come presidente in carica e ha preso provvedimenti contro il regime di Maduro.

Il governo del Venezuela non ha ancora reagito al rapporto di Axios.

Trump ha anche detto che “avrebbe potuto andare avanti con la sua vita” sul riconoscere o meno Guaidó come presidente in carica del Venezuela.

Il team di comunicazione di Guaidó in Venezuela ha detto alla CNN domenica che non avrebbe commentato questo rapporto di Axios.

A marzo, gli Stati Uniti hanno accusato Maduro e molti dei suoi funzionari chiave di narcoterrorismo e corruzione, e hanno offerto ricompense milionarie per informazioni che portino alla loro cattura.

Gli Stati Uniti hanno accusato il regime di Maduro di diffuse violazioni dei diritti umani, tra cui uccisioni extragiudiziali, tortura, arresti arbitrari e detenzione di cittadini venezuelani.

Membri del regime sono stati anche accusati in passato di facilitare le operazioni di traffico di droga nel paese.

Il governo venezuelano si è difeso dalle accuse degli Stati Uniti, definendole “misere, volgari e infondate” e che “tentano di minimizzare l’alto riconoscimento che il Venezuela ha nella lotta contro il traffico di droga pienamente dimostrato in diverse arene multilaterali”

*Collaborato in questo rapporto da Marlon Sorto e Jorge Luis Pérez Valery.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *