Valutazione di un metodo di amplificazione isotermica mediata da loop per il rilevamento rapido del virus respiratorio sinciziale nei bambini con infezione respiratoria acuta | Biomedica (Bogotà);39(2): 415-426, Jan-Jun 2019. tab, graf | LILACS

SUMMARIO

Abstract Introduzione. Il virus respiratorio sinciziale umano (hRSV) è la causa più frequente di infezione acuta del tratto respiratorio inferiore nei bambini sotto i cinque anni di età. Lo sviluppo di tecniche molecolari per identificarlo è una delle sfide attuali nel campo della ricerca clinica. Obiettivo. Valutare un metodo di amplificazione isotermica per il rilevamento rapido dell’hRSV nei bambini con infezione acuta del tratto respiratorio. Materiali e metodi. L’RNA virale è stato estratto da 304 campioni di tampone nasale in bambini con sintomi di infezione respiratoria acuta visti nel dipartimento di emergenza dell’Hospital de la Universidad del Norte di Barranquilla tra aprile 2016 e luglio 2017. Il test RT-LAMP (Reverse Transcription Loop-Mediated Isothermal Amplification) è stato valutato rispetto a tecniche molecolari come la reazione a catena della polimerasi a trascrizione inversa multipla annidata (Reverse Transcription- Polymerase Chain Reaction), RT-PCR, che è stato usato come test standard, PCR in tempo reale (PCR quantitativa, qPCR) e RT-LAMP della proteina L (L) per il rilevamento rapido del virus respiratorio sinciziale (RSV) sottotipo A e sottotipo B. Risultati. Il test RT-LAMP (M) aveva una sensibilità del 93,59%, una specificità del 92,92% e una concordanza di 0,83 ± 0,036 rispetto al test RT-PCR annidato. L’indice kappa di RT-LAMP (M) era più alto, e i valori di RT-LAMP (L) e qPCR concordavano (0,75 ± 0,043 e 0,71 ± 0,045, rispettivamente). Conclusioni. Questi risultati indicano che il test RT-LAMP (M) può essere considerato uno strumento clinicamente utile per rilevare l’hSRVA, poiché il tempo necessario per ottenere risultati, così come i costi, sono inferiori e le sue prestazioni sono migliori di quelle degli altri test molecolari valutati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *