Vuoi sapere chi è Mama Cocha? Imparalo qui

Mama Cocha è un personaggio della mitologia incaica, divinità che insegnò al popolo i migliori metodi di agricoltura, migliorando così l’intero impero, era la dea che controllava tutto ciò che riguardava l’acqua, questo fece sì che tutto l’impero lo venerasse, soprattutto i pescatori, perché in alcune zone sperimentavano le maree quindi era necessario per la loro protezione. Scopri di più su questo personaggio molto interessante.

Chi è Mama Cocha?

Mama Cocha è una dea della mitologia Inca, chiamata anche Mamacocha (in lingua Quechua) e Mama Qucha, questo nome significa Madre delle Acque, i suoi poteri derivavano dall’acqua, rappresentando il mare e le sue rispettive maree, così come i laghi, le sorgenti naturali e i fiumi. Si credeva che i suoi figli fossero le sorgenti.

Mama Cocha era una dea molto importante venerata sulle coste dei territori che comprendevano il sud della Colombia, l’Ecuador, il nord del Cile e il Perù, luoghi che prima consideravano la pesca come vitale.

I suoi rituali venivano eseguiti affinché la pesca fosse fruttuosa e le maree fossero buone per la navigazione, oltre a proteggerli dagli tsunami e da altri disastri, per questo è considerata una dea molto importante.

Questa dea era la moglie del dio Viracocha (conosciuto anche come Huiracocha o Wiracocha, è il dio del cielo, che aiuta in tempi di crisi ed è noto per essere un eroe culturale della mitologia incaica) e rappresentava una delle quattro madri elementali, tra cui troviamo Mama Nina, Pachamama e Mama Waira. Avendo come fatto curioso che Pachamama, Mama Quilla e loro formano le tre fasi della Luna.

Legenda

Secondo la leggenda, Mama Cocha era una dea descritta come bella e pallida, era figlia del dio Sole e del dio Luna (anche se in altre versioni si diceva che era la sorella del dio Sole). Quando gli Inca la incontrarono, trovarono la sua gentile presenza e lei divenne la loro madre e una protettrice che insegnò loro ad andare verso un buon cammino, grazie a lei e alla sua innumerevole guida costruirono diverse case, fortezze, templi e strade, così come metodi per lavorare la terra, che con il passare del tempo davano loro frutti e miglioravano la loro agricoltura. (Vedere l’articolo: Pincoya)

Hanan Pacha

L’Hanan Pacha è il mondo di sopra, questo luogo era dove vivevano tutti gli dei, potrebbe essere paragonato al cielo della religione cattolica con l’Olimpo della mitologia greca e nel caso di Mama Cocha viveva in questo luogo, poiché nell’impero Inca furono stabiliti tre piani che si completavano a vicenda, il primo sarebbe l’Hanan Pacha, che come detto sopra è il mondo di sopra, il secondo è il Kay Pacha è il mondo attuale e ultimo ma non meno importante l’Uku Pacha, che è il mondo di sotto.

Mama Cocha non è l’unica dea che abita nell’Hanan Pacha ma ci sono anche gli dei Inti (dio Sole, marito e fratello della dea Luna), Mama Quilla (dea Luna) e Viracocha, in più potrebbero vivere nel luogo anche quelle persone che sono buone e giuste.

I loro riti

Per realizzare i riti di Mama Cocha era necessario che fosse fatto da donne, poiché questa dea dà rilevanza al proprio genere, cioè il femminile. Il suo rituale è stato eseguito ogni 8 settembre queste sono state effettuate diverse danze, musica e cibo, coinvolgendo tutto il popolo Inca ma essendo le sue principali protagoniste le donne.

La cerimonia si svolgeva in una sorgente o in una laguna, iniziando con un inchino a tutti gli spiriti, per poi durante il processo di sviluppo dell’evento consegnare un contenitore contenente acqua e un kintu (un’offerta di fiori) di coca, questo contenitore simboleggiava l’unione del popolo Inca per poi accompagnarlo con richieste o petizioni che possono essere fatte sia individualmente che collettivamente. (Vedi articolo: Poseidon)

Poiché l’acqua era necessaria per i raccolti, anche i contadini dovevano adorare e fare offerte a Mama Cocha, affinché piovesse periodicamente, innaffiasse e quindi beneficiasse i raccolti.

Mama Cocha, è una dea molto importante nella mitologia incaica, descritta come una dea pallida e giovane che era sposata con Viracocha, dea che insegnò loro l’agricoltura e la creazione di strade, templi e altri, vivendo nel Hanan Pacha.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *